xenofobia

La xenofobia è paura o rifiuto nei confronti dello straniero, generalmente espresso nei confronti di gruppi etnici e / o razziali. Il suo nome dice tutto: deriva dai termini greci xénos (strano, straniero) e phobos (paura). La xenofobia ha come ideologia il rifiuto e l'esclusione di ogni identità culturale estranea alla propria, a tutto ciò che è diverso e sconosciuto. In esso spiccano i pregiudizi storici, linguistici, religiosi, culturali e persino nazionali. La xenofobia è una paura antica, non è innata, ma è un elemento delle formazioni egoistiche e anche delle accettazioni del linguaggio, fin da giovanissimo l'essere umano ha saputo differenziare il proprio dal resto.

xenofobia

Nel corso degli anni, le comunità di un paese vedono gli stranieri e gli immigrati con pregiudizio e sfiducia, percependoli come una minaccia alla loro prosperità economica, crescita del lavoro, stabilità sociale e identità culturale. Questi atteggiamenti spregevoli si vedono più frequentemente tra le classi sociali di livelli di acquisto, economici e culturali inferiori.

La lotta contro la xenofobia è globale. Tuttavia, la comunità internazionale ha compiuto passi sostanziali nella giusta direzione. La Conferenza mondiale contro il razzismo, la discriminazione e la xenofobia che le Nazioni Unite hanno promosso nel 2001 ha generato misure importanti, tra cui la decisione dell'UNESCO di adottare una strategia che ritiene che i governi locali abbiano un ruolo importante nella lotta razzismo e ogni discriminazione, e nel 2004 è stata creata la Coalizione delle città contro il razzismo, la discriminazione e la xenofobia .

Raccomandato

Battisti
2020
oligarchia
2020
locanda
2020