vice

Nella nostra lingua la parola vizio viene usata per designare tutte quelle abitudini, pratiche o costumi di una persona, che sono malvisti dalla società per aver violato la morale o essere degradanti, così come quelli che minacciano la salute o l'integrità fisico e mentale della persona affondata nel vizio come, ad esempio; alcolismo, tossicodipendenza, tra gli altri.

vice

Allo stesso modo, il termine vizio viene spesso usato per evidenziare quei difetti o cattive e negative usanze che una persona ha e che fa già parte delle sue caratteristiche come, ad esempio: "Luisa ha il vizio di mangiarsi le unghie", "Manuel ha il vizio di dire parolacce in tutti gli incontri ”. In alcune culture, come in Venezuela, i vizi sono anche chiamati "trucchi" o "manie", "Gesù ha la capacità di ruttare con la bocca aperta quando mangiamo".

Tuttavia, come accennato in precedenza, l'uso principale che viene dato a questa parola è designare la preferenza di una persona per il consumo costante di determinate sostanze (al punto di raggiungere l'abuso) che possono essere dannose per la salute del soggetto . Questa situazione si verifica regolarmente in droghe psicoattive come marijuana e cocaina, nonché con alcol e tabacco . Quando l'uso di queste sostanze diventa vice, il soggetto può diventare dipendente da esse, a tal punto che sarà molto difficile abbandonare il loro consumo, al punto che anche con trattamenti medicinali e psicologici non è possibile curare completamente la persona viziosa.

Raccomandato

Design tessile
2020
bancario
2020
Unicode
2020