tsunami

Tsunami è una parola giapponese usata per designare un'onda di marea, che letteralmente significa "onda nel porto" o "nella baia" ( tsu = porto o baia, nami = onde). Nonostante abbia origine giapponese, questa parola è diventata popolare ed è già utilizzata in tutto il mondo.

Uno tsunami è un'onda a lungo termine che viaggia con grande velocità attraverso l'oceano. Quando raggiunge la riva, possiede un grande potere distruttivo, tale è la sua forza che può devastare edifici relativamente grandi e persino nell'entroterra. È tra le maggiori catastrofi naturali che si trovano ad affrontare paesi con coste.

Tradizionalmente, gli tsunami sono stati associati a terremoti, ma possono anche essere causati da eruzioni vulcaniche, meteoriti o qualsiasi alterazione del terreno causata da frane sottomarine, frane, ecc. La maggior parte dei fenomeni di tsunami sono dovuti a terremoti, accompagnati da varie caratteristiche come una magnitudine maggiore di 6 e la ridotta profondità dell'ipocentro (fino a 40 km).

In acque profonde, oltre 200 m, uno tsunami è appena percettibile sulla superficie del mare, generando un'onda alta 1 m . Tuttavia, questa onda viaggia ad una velocità di 500-1000 km / h, e a velocità più elevate maggiore è la profondità del mare. Mentre si avvicina alla costa, la sua altezza aumenta (più di 15 m), quando lo raggiunge, lo tsunami potrebbe non rompersi e si comporta come una grande marea improvvisa, formando diverse onde che si infrangono o formano un turbolento muro d'acqua .

tsunami

Il danno prodotto da uno tsunami dipenderà dalla profondità del mare, dalla distanza dal fondo del mare, dalla forma della faglia, dalla tipologia della costa e dalla vegetazione esistente. Oltre alla vulnerabilità della popolazione, che si trova a pochi metri dalla costa, in zone pianeggianti, con edifici deboli, la mancanza di un sistema di rilevamento dello tsunami e avvisi alla popolazione.

Gli tsunami sono rari e difficili da prevedere. Sebbene l'esistenza di un grande terremoto sottomarino possa essere rilevata con l'aiuto di sismografi, è difficile prevedere se il terremoto genererà o meno uno tsunami, poiché altri fattori, come la topografia del fondale marino, sono coinvolti in questo processo.

In questo 21 ° secolo, ci sono già tre tsunami che si sono verificati, sicuramente non saranno gli ultimi. Nel 2004, uno tsunami nell'Oceano Indiano ha attraversato la Thailandia, Sumatra, Indonesia e altre regioni dell'Asia, causando 226.000 morti. L'anno scorso un forte tsunami ha colpito le coste del Cile a seguito di un terremoto di 8, 8, sulla costa di fronte alla città di Cobquecura.

E il più recente si è verificato a marzo di questo mese in Giappone, un terremoto di magnitudo 9, 0, ha causato uno tsunami sulla costa del Pacifico del paese giapponese, finora ci sono più di 11000 morti e più di 16.000 persone sono ancora disperse. Lo tsunami ha colpito le coste delle Hawaii e dell'intera costa sudamericana con danni minimi grazie ai sistemi di allerta precoce condotti dal Pacific Tsunami Warning Center.

Raccomandato

bioma
2020
tossicologia
2020
Nabo
2020