Triangolo equilatero

Esistono diversi tipi di triangoli, mentre in relazione alla lunghezza dei loro lati troviamo il triangolo equilatero, che è quello che ci riguarderà successivamente e che è caratterizzato dall'avere tre lati della stessa dimensione, un problema per il quale si rivelano anche essere equiangolare, cioè i suoi tre angoli interni presenteranno la stessa misura, che in questo caso è di 60 °.

Triangolo equilatero

È essenziale conoscere l'origine etimologica del termine triangolo equilatero. In questo caso possiamo dire che le due parole che lo fanno venire dal latino:

  • Il triangolo è il risultato della somma di due componenti: il prefisso "tri-", che significa "tre", e il sostantivo "angulus", che equivale a "angolo".
  • Equilatero deriva da ciò che è "aequilaterus". Questa parola è formata da due parole: «aequus», che è sinonimo di «uguale», e «laterus», che significa «lato».

La costruzione di questo tipo di triangolo è plausibile dall'uso di un righello e una bussola, strumenti di base ampiamente utilizzati in questa materia per tracciare linee, angoli, tra gli altri.

Nel caso del triangolo equilatero, il processo di disegno è abbastanza semplice ; Innanzitutto, è necessario tracciare un cerchio, quindi la bussola dovrebbe aprirsi a una media di 120 °, quindi saranno contrassegnati tre punti, ciascuno rispettando la stessa distanza e infine unendo i punti tracciati.

Poiché i tre lati del triangolo equilatero sono uguali, il perimetro di questo tipo di triangolo può essere calcolato moltiplicando la lunghezza di ciascun lato per tre. Se un lato di un triangolo equilatero misura 24 centimetri, sappiamo che anche gli altri due misureranno lo stesso. Per calcolare il perimetro, puoi moltiplicare un lato per tre: 24 centimetri x 3 = 72 centimetri. D'altra parte, questo risultato può essere raggiunto semplicemente aggiungendo la lunghezza dei tre lati: 24 centimetri + 24 centimetri + 24 centimetri = 72 centimetri.

Esistono altre formule che facilitano il calcolo delle caratteristiche del triangolo equilatero e sono le seguenti:

  • Per trovare il valore della sua altezza, si deve procedere con il famoso teorema di Pitagora . Nello specifico, ciò comporterà la realizzazione della radice quadrata di 3a (a è l'ipotenusa) e il risultato di dividerlo per due.
  • Nel caso in cui desideri scoprire il valore della tua area, quello che devi fare è calcolare la media della base in base all'altezza.

Raccomandato

Empleo
2020
Banner
2020
attivismo
2020