Thalassofobia

La tallasofobia è la paura irrazionale del mare, una condizione che provoca il panico di coloro che ne soffrono per avvicinarsi a una spiaggia o navigare su una barca. Sicuro quanto l'ambiente marittimo, il talasofobico sarà terrorizzato anche se il mare è nell'immaginazione. Questi tipi di problemi sono generati da precedenti esperienze non positive con il mare, naufragi, tentativi di annegamento, tra gli altri . Le vittime di tali eventi traumatici non vorrebbero affrontarle di nuovo, causando grande paura. Etimologicamente il termine deriva dai greci "Thalassa" che significa "Mare" e "Phobos" che significa "Paura" .

Thalassofobia

Secondo gli psicoanalisti, la tallasofobia può causare sintomi fisici nel paziente, che vanno da vertigini, nausea, desiderio di vomito da movimenti simili a quelli causati dalla marea, secchezza delle labbra, tachicardia e difficoltà respiratorie, perché la mente reagisce a nuovi possibili incontri con il mare con la paura dell'esperienza vissuta piuttosto che con situazioni fuori pericolo.

I talassofobi possono essere curati con psicoterapie, sessioni di riconoscimento della paura e superamento di eventi. L'eliminazione delle conseguenze di un naufragio può essere risolta con terapie del sonno e rilassanti visite in spiaggia durante l'assunzione di farmaci che contrastano gli effetti fisici come vertigini e brividi . La tallasofobia è completata da altre fobie associate anche all'acqua o al mare. Esempio: chemiofobia, paura delle onde e bathofobia, paura delle profondità .

Raccomandato

Efector
2020
abominevole
2020
vindicate
2020