Terza legge di Newton

È noto con il termine della Terza Legge di Newton un principio secondo cui, se un corpo A esegue un'azione su un corpo B, quest'ultimo eseguirà un'azione simile sul corpo A nella direzione opposta. Le leggi del moto di Newton o anche chiamate Leggi di Newton, sono tre precetti attraverso i quali possono essere spiegati molti dei problemi che sorgono all'interno della meccanica classica, in particolare quelli che sono legati agli spostamenti dei corpi .

Terza legge di Newton

Questa legge è anche conosciuta come il principio di azione e reazione ed è la rappresentazione di una parte della simmetria all'interno della natura; le forze sono generalmente presentate in coppia e non è possibile per un corpo esercitare un'energia su un altro corpo senza che il primo abbia sperimentato in precedenza un'energia. All'interno delle leggi di Newton di azione e reazione, si può dire che la forza applicata è l'azione, mentre la forza che appare come conseguenza della precedente è la reazione.

Qual è la terza legge di Newton?

Quando un oggetto esercita una certa forza su un'altra, l'oggetto che riceve detta energia eserciterà una forza nella direzione opposta, ma di uguale grandezza rispetto al primo oggetto. Quando si verifica un'interazione di qualsiasi tipo, si verificano anche due forze di azione e reazione, la cui grandezza è simile, ma con direzioni completamente opposte. "

La terza legge di Newton

Dall'antichità fino al Medioevo, le teorie del movimento che avevano la più grande accettazione da parte della comunità scientifica erano quelle sollevate da Aristotele, questo scienziato riteneva che il movimento fosse una variazione dallo stato di riposo che richiedeva una causa, classificando gli altri in movimenti violenti e movimenti naturali.

Secondo Aristotele, il cosmo era una sfera di grandi dimensioni, ma era limitata dalla sfera delle stelle fisse. Da parte sua, la terra era al centro del cosmo ed era circondata da strutture di fuoco, acqua e aria a forma di sfera.

Questa teoria indica che ogni sostanza o corpo aveva un sito naturale e un movimento naturale correlato a quel luogo, al quale generalmente andava in linea retta. Essendo nel posto era possibile che fosse a riposo, per questo motivo il fuoco era considerato leggero, poiché la sua posizione naturale era al di sopra, mentre la terra aveva un posto naturale al di sotto e quindi sembra pesante.

Esempi della terza legge di Newton

Per spiegare meglio ciò che postula la terza legge di Newton, vengono presentati i seguenti esempi:

  • Una persona che sta scalando una montagna esercita una forza sulle rocce, questo farà sì che l'individuo produca una forza di trazione, che gli permetterà di arrampicarsi attraverso le rocce della montagna.
  • Un altro esempio può essere quando si sale una scala, poiché quando un individuo inizia a salire su di essa, è necessario prima sostenere un piede sul gradino e spingere, il gradino deve esercitare una forza simile e opposta sul piede per evitare che si rompa Se la forza che il piede esercita sul gradino è maggiore, questa sarà anche la reazione contro il piede.

Formule di leggi di Newton

Terza legge di Newton

Le formule delle leggi di Newton sono le seguenti:

Prima legge

La prima legge indica che, affinché un corpo che si trova in uno stato di riposo o si muova in linea retta per modificare la sua traiettoria, una forza deve essere esercitata su di esso. Allo stesso modo, è indicato che in entrambi i casi la forza di reazione applicata al corpo è nulla. Pertanto per questa legge è stabilito come una formula che la somma delle forze comporterà 0. ΣF = 0

Seconda legge

Da parte sua, la seconda legge stabilisce come una formula che la forza è uguale alla massa moltiplicata per l'accelerazione. F = ma

Terza legge

La terza legge stabilisce come una formula che la forza esercitata su un corpo è uguale alla forza di reazione che agisce sul secondo corpo. F1 = F2

Raccomandato

America
2020
antropometria
2020
proletariato
2020