storia

La storia è la scienza che studia e sistematizza i fatti più importanti e trascendenti del passato umano . Questi eventi vengono analizzati ed esaminati in base ai loro antecedenti, cause e conseguenze e nell'azione reciproca dell'uno sull'altro, allo scopo di comprendere correttamente il presente e preparare il futuro. Il suo studio non è un semplice esercizio di memoria, carico di fatti, nomi, luoghi e date senza alcuna connessione.

storia

Cos'è la storia

La storia è una scienza sociale incaricata di studiare e mettere in relazione gli eventi accaduti nel passato dell'umanità . Si dice anche, che è la storia, il periodo trascorso dall'invenzione della scrittura (chiamato anno zero) fino ad oggi.

Il termine è anche usato per identificare la narrazione di eventi, questi possono essere reali o fantascienza . È importante stabilire la differenza tra la storia come racconto letterario e la storia come scienza.

Come racconto letterario, potrebbero trattarsi di eventi di fantasia, come storie dell'orrore, che non soddisfano un criterio di verità. Come scienza, gli storici mirano a conoscere e interpretare la storia attraverso fatti ed eventi reali, in cui l'oggettività gioca un ruolo molto importante, sulla fiction tipica della letteratura.

Questa è soprattutto la possibilità che l'essere umano debba conoscere se stesso. È investigare il passato per capire la ragione del nostro presente e, soprattutto, vedere l' uomo nella sua dimensione; i suoi successi, i suoi errori e la capacità che l'umanità deve essere una specie più perfetta, meglio organizzata e più giusta.

Le persone che sono responsabili della ricostruzione e della spiegazione degli eventi del passato hanno utilizzato fonti di informazioni per aiutare. Tra questi abbiamo scritto la storia, nota anche come storiografia, che comprende resoconti scritti come memorie, lettere, letteratura, atti giudiziari, assemblee legislative, istituzioni religiose, ecc.; e le informazioni non scritte ottenute dai resti culturali o materiali di civiltà scomparse, come elementi architettonici, pittura, artigianato, ecc.

Come tutte le scienze sociali, richiede l'aiuto di altre scienze e discipline sociali per la comprensione dei fenomeni che comprende e la loro interpretazione che ci permettono di comprendere i fatti storici nella loro dimensione totale; per esempio, l'aiuto di archeologia, paleontologia, cronologia, mitologia, economia, antropologia, tra gli altri.

Tre modi di classificare la storia possono essere indicati o evidenziati: da gruppi umani e regioni geografiche (storia universale o generale, continentale, nazionale, regionale o della città); per temi e attività (economica, politica, scientifica, giuridica, storica dell'arte, ecc.) e per ordine cronologico di epoche e periodi (preistoria, protostoria e storia)

Importanza della storia nel mondo

storia

La sua importanza come scienza si basa sul fatto che attraverso di essa vengono investigati personaggi, eventi e processi che si sono sviluppati nel passato di una società, nazione o periodo, in un ambiente sociale, economico, politico, culturale, ecc., Applicando l'obiettività moderno, cercando di chiarirli e capire come possono trascendere in futuro.

Come scienza umanistica, è considerata quella che è stata più utile agli esseri umani, cercando di conoscere il loro patrimonio culturale attraverso le civiltà che hanno attraversato, inoltre, consente loro di costruire la propria identità raccogliendo dati temporali passato e quindi sviluppare la propria identità.

Per i popoli e le nazioni è molto importante conoscere le loro radici e questo si ottiene attraverso la storia, ad esempio la storia del Messico, dove i processi di indipendenza si sono svegliati in molti cittadini messicani e caraibici, un'ondata di entusiasmo, ma le loro speranze avevano per tutto il diciannovesimo secolo, per affrontare i numerosi problemi ereditati dalla colonia. Nel vasto territorio messicano, l'assenza di un cittadino in grado di strutturare lo Stato, ha aggravato le tensioni tra il centralista e i federalisti, mentre il potente vicino del nord, gli Stati Uniti, ha spinto il confine e preso una parte importante del Territorio messicano.

Dopo il tumulto scatenato dalla rivoluzione messicana e il trionfo del costituzionalismo carrancista, il consolidamento del Messico come stato federale ha fatto un passo da gigante. Anche nei Caraibi, gli sforzi di emancipazione contro la vecchia metropoli spagnola delle nuove élite al potere creole, sono riusciti solo a gettare le isole tra le braccia degli Stati Uniti.

Origine della necessità di raccogliere dati

Da quando l'essere umano ha iniziato ad apprezzare l'importanza di questo e la sua influenza sullo sviluppo di nuove idee, l'opzione di raccogliere o salvaguardare i dati di qualsiasi progresso (che sarebbe poi diventato storia) è diventata una necessità.

Usando la carta come primo elemento, l'essere umano ha custodito i momenti più importanti della sua storia, ed è fino all'implementazione delle prime tecnologie che questo processo è diventato una procedura di uguale importanza ma con meno sforzi.

Ecco perché, a questo punto, la storia del computer è così importante, dagli inizi della modernità fino ad oggi, è lo strumento per eccellenza che è stato usato per scrivere e memorizzare la sua evoluzione.

Ecco come, dalla carta e dalla matita, passando alle macchine da scrivere e raggiungendo il computer, l'uomo ha archiviato grandi quantità di dati che contengono gli eventi più importanti della storia e che hanno collaborato alla sua evoluzione.

Storia della storia

La storia della cultura greca si è svolta nei Balcani, una penisola situata nell'Europa sud-orientale. Questo iniziò approssimativamente dal XII secolo a.C. e si stima che durò fino al 146 a.C. quando furono sottomessi dai romani, rendendola ancora una provincia del loro impero.

Durante il II millennio a.C., il mondo mediterraneo ha acquisito un ruolo egemonico nello sviluppo delle culture cretesi e micenee, considerate le basi fondamentali e protostoriche della Grecia classica. Il fatto che i Greci fossero vittoriosi degli achemenidi persiani nelle guerre mediche, ha eroso l'influenza orientale nel mondo antico.

Dal V secolo a.C., il Mediterraneo riuscì a brillare con tutto il suo splendore nella cultura greca classica, che aveva ad Atene la capitale del mondo, l'ellenica. Il prestigio dell'est era ancora intatto, ma il macedone Alessandro Magno aspira a unire i due grandi centri culturali dell'antichità in un unico impero.

Sui sogni imperiali di Alessandro, Roma riuscì a costruire un impero, dopo aver sconfitto e annientato la cultura afro-asiatica di Cartagine e stabilito con l'impero romano, la più vasta unità culturale e politica che l'umanità avesse conosciuto fino ad allora. Roma applica la qualifica di barbari (stranieri) a tutte le città che erano al di fuori dei suoi confini.

I Greci hanno sviluppato la loro storia in tre periodi che sono:

  • Grecia arcaica o primitiva: questa era della cultura greca si trova tra il XII e l'VIII secolo a.C. era chiamata era omerica, poiché le poesie scritte da Omero, tra cui l'Iliade e l'Odissea, riflettono ciò che era l'Età. Media greci, come un periodo oscuro e mitologico nella sua storia.
  • Grecia classica o apogea: tra il V e il IV secolo a.C. In questo periodo la Grecia subì il suo massimo sviluppo culturale, che servì da base alla cultura occidentale. Gli eventi delle guerre mediche si svilupparono anche fino all'egemonia della Macedonia.
  • Periodo ellenistico: si svolge tra il IV e il I secolo a.C. Copre tutti gli eventi dalla morte di Alessandro Magno, alla conquista della Grecia da parte dei Romani.

Periodi storici

storia

È il lasso di tempo trascorso tra un evento storico e l'altro e che produce cambiamenti nella struttura della società. Secondo gli storici, ciascuna delle culture stabilisce i propri periodi storici.

preistoria

È iniziato con le prime prove dell'attività umana e si è concluso quando sono comparsi i primi testi scritti. Inoltre, c'è un paradosso secondo cui la maggior parte della storia dell'uomo è preistoria, poiché ritengono che, in confronto, il suo periodo scritto occupi un breve periodo di tempo, solo circa cinquemila anni in un periodo totale superiore a due milioni di anni.

La preistoria è uno dei più giovani dei suoi rami, nato più di un secolo fa. Tuttavia, raccoglie i fatti del passato più remoto dell'umanità che sono, forse, i più difficili da interpretare. Sebbene questa fase sia la più lunga nella storia dell'umanità, la documentazione disponibile per rifare non è molto. Ci sono documenti che hanno solo alcuni strumenti di pietra e, nel migliore dei casi, con resti di animali che servivano da cibo.

In queste condizioni, è difficile determinare quali fossero i modi di vita, per questo motivo, invece di parlare di cultura, dobbiamo fare riferimento agli accessori industriali, poiché abbiamo solo gli strumenti e le forniture, a volte così primitivi, che il Le informazioni fornite possono essere molto scarse.

storia

L'apparenza della scrittura è stata un passo trascendente nella vita e nella storia dell'uomo. Questa invenzione ha ottenuto che l'uomo inizierà a comunicare ed esprimere le sue idee attraverso rappresentazioni grafiche, non si può dire esattamente quali popoli, né a che ora sia stata concepita la scrittura. Nonostante ciò, ci sono indagini che indicano che i popoli mesopotamici ed egiziani furono quelli che perfezionarono la scrittura.

La prima tecnica usata nella scrittura per esprimere idee era la pittografia, poi passarono a segni o caratteri ideografici; Quando i Fenici inventarono l'alfabeto, la scrittura divenne generale, facilitando ogni tipo di attività culturale.

Tra i segni più importanti della scrittura ci sono i geroglifici degli egiziani e i cuneiformi dei mesopotamici.

L'invenzione della scrittura risale a circa 3.500 anni prima di Cristo, questo ha permesso di preservare il pensiero degli uomini di quel tempo e ha iniziato la storia dell'umanità.

Le fasi in cui la storia è divisa sono note come epoche, ognuna è separata da grandi eventi.

Età antica

Questo periodo segna l'inizio della scrittura (dall'anno 218 a.C. alla fine del V secolo d.C.), in questo periodo emersero tre grandi civiltà, come il greco, il romano e il persiano.

Medioevo

Questo periodo comprende dalla caduta di Roma nell'anno 476 d.C. fino alla caduta dell'Impero Romano d'Oriente nell'anno 1453. Il Medioevo è anche diviso in, Medio, Alto e Basso Medioevo.

Età moderna

Comprende dalla fine del Medioevo e l'inizio dell'età contemporanea, cioè dalla scoperta dell'America allo scoppio della Rivoluzione francese nel 1789.

Età contemporanea

Dalla fine del 18 ° secolo con la Rivoluzione francese fino ad oggi.

Che cos'è uno storico

storia

Uno storico, nelle scienze sociali, è una persona il cui nord è l'indagine del passato, uno specialista nello studio, nell'interpretazione, nell'analisi e nella corretta documentazione di fatti ed eventi accaduti nella storia dell'umanità.

Esistono diverse specialità su cui gli storici possono concentrarsi, generalmente concentrandosi su periodi specifici e potendo eseguire analisi da una particolare prospettiva politica, economica o artistica. Tra le epoche in cui si concentrano gli storici, quella classica, medievale e precolombiana.

Funzioni di uno storico

1. Identificare, interpretare e analizzare gli eventi passati attraverso la ricerca storica . Questo è possibile:

  • Raccolta di dati da fonti affidabili, come documenti, file, giornali, notizie e foto, da analizzare e interpretare.
  • Verifica e convalida i dati per la tua organizzazione.
  • Quando si tratta di una regione o di un paese, indagare sugli eventi storici di un determinato momento.
  • Conserva manoscritti, documenti e scritture da studiare.
  • Mostra scoperte storiche attraverso libri, documenti e lezioni.

2. Fornire consulenza e parlare della conservazione della storia, nei musei e in altri luoghi storici. Inoltre, organizza gruppi e fondazioni per questo scopo.

3. Preparare riviste e pubblicazioni sulla ricerca effettuata.

4. Attraverso interviste con persone, documentazioni e pubblicazioni di libri, raccogliere tutte le informazioni necessarie per compilare una bibliografia da fonti affidabili.

Allo stesso modo, è importante evidenziare alcune delle qualità che uno storico deve avere, queste sono:

  • Vasta conoscenza di studi storici e teorie.
  • Capacità comunicative.
  • Capacità di ricerca e sviluppo di progetti.
  • Deve essere analitico e avere capacità di problem solving e pensiero critico .

La storia come disciplina accademica

Per effettuare qualsiasi studio di qualsiasi evento nel passato, è necessario effettuare ricerche e analisi su diversi materiali come: opere pubblicate, documenti scritti, storie, fotografie. Tutto il necessario per costruire vari aspetti del passato di una società o di un tempo.

Lo studio della storia consente di conoscere il passato, comprendere il presente e persino proiettare il futuro, con lezioni apprese nei libri. In questo modo, gli studenti comprendono che la società è un prodotto del passato, ma allo stesso tempo, la ricerca e gli studi continuano a costruire un futuro.

Studiare cos'è la storia stimola la curiosità degli studenti e allo stesso tempo li aiuta a comprendere meglio i processi sociali del loro tempo e della loro nazione.

È strettamente legato ad altre discipline come la sociologia, la geografia, l'economia e la filosofia.

La storia può anche essere studiata dal punto di vista letterario, cioè è ciò che è collegato, e quindi continuare a ricostruire cronologicamente tutti gli eventi di un evento dall'inizio alla fine, un esempio di ciò può essere le storie d'amore.

Raccomandato

supporto I
2020
Paracaidismo
2020
Ghost Writer
2020