statistica

Le statistiche provengono dal latino statisticum collegium (consiglio di stato) e dal suo derivato statista italiano (statista o politico). Il termine tedesco Statistik, introdotto da Gottfried Achenwall (1749), originariamente indicava l' analisi dei dati statali, cioè "la scienza dello stato". Non è stato fino al diciannovesimo secolo quando il termine statistica arrivò a designare la raccolta e la classificazione dei dati . È un insieme di tecniche per osservare, misurare e interpretare i fenomeni collettivi che si verificano nelle società umane, usando metodi basati sull'uso di grandi numeri.

statistica

Che cos'è la statistica

Il concetto di statistica collega le sue applicazioni all'analisi di diversi parametri o dati ottenuti da test rappresentativi, in modo che tutti i tipi di cambiamenti, dipendenze e correlazioni che un determinato fenomeno fisico o un fenomeno naturale le cui occorrenze sono condizionali o casuale. Le definizioni e i concetti che accentuano ciò che è statistico portano alla stessa conclusione: le statistiche sono presenti in molti tipi di scienza, in particolare la scienza fattuale perché in esse si ottengono conoscenze molto nuove attraverso l'osservazione e l'aspettativa. Le statistiche sono utilizzate anche nelle istituzioni governative.

In tempi attuali, ciò che è statistico e il suo rapporto con le scienze fattuali apre una porta importante per calcolare il numero esatto di una data popolazione. Come viene realizzato? Utilizzando vari metodi per raccogliere quante più informazioni possibili, analizzare i dati della comunità e, infine, interpretare i risultati ottenuti attraverso i meccanismi precedentemente utilizzati.

La definizione di statistica è strettamente correlata agli studi quantitativi, infatti, viene presa in considerazione perché le statistiche sono considerate come una scienza completamente speciale in questo ramo per calcolare i fenomeni collettivi. L'origine di questa scienza è ancora più complessa, ma ha una spiegazione eccellente.

Il concetto di statistica si basa sul fatto che questo è uno dei rami della matematica il cui scopo è studiare la variabilità e il processo che viene generato in esso, ovviamente, tenendo traccia delle leggi o dei principi di probabilità. Poiché si tratta di una statistica matematica, il metodo con cui viene studiato è completamente formale e considerato isolatamente come una scienza propria.

La definizione di statistica lo mostra come un elemento deduttivo della scienza, completamente dinamico, con continui sviluppi e conoscenza di sé. In questo post tutto ciò che riguarda le statistiche sarà ampiamente spiegato.

Origine della statistica

Di per sé, questa scienza è nata come un marcato bisogno da parte dello Stato di conservare dati specifici della sua popolazione, cosa che ha fatto attraverso censimenti progressivi e raccolta di dati che successivamente sono stati sottoposti a determinati dati statistici. Il parametro statistico ottenuto era il numero totale di abitanti di un paese. Tenendo conto di ciò, nel tempo sono state utilizzate statistiche in diverse aree di studio e scienze conosciute, ad esempio statistiche matematiche, nei grafici di diversi calcoli che sono noti come grafici statistici, ecc. Anche se questo può essere visto in seguito nei tipi di statistiche.

Storia statistica

Questa scienza è presente nella vita dell'uomo da molti, molti anni, infatti, ci sono grafici documentati intorno al 3000 aC La storia della statistica è davvero legata ai babilonesi e ai primi uomini a vivere sulla terra perché nel Pietre e legno trovati da escavatori e ricercatori hanno trovato resoconti e calcoli della propria popolazione. Nel corso degli anni, altre civiltà si sono unite all'uso delle statistiche, incluso l'Egiziano, che le ha utilizzate anche prima di costruire le famose piramidi d'Egitto.

Durante il Medioevo e i tempi antichi, questa scienza ha acquisito maggiore forza, utilizzando grafici statistici non solo per conoscere i numeri specifici della popolazione, ma per prenderli a loro favore e applicare le normative fiscali in modo più efficace. Erano anche fattibili per calcolare il numero di soggetti necessari nei ranghi dei loro eserciti e nella distribuzione della terra in un dato territorio. Alcune delle civiltà che hanno utilizzato le statistiche sono le seguenti.

  • Egitto: durante la dinastia I, i faraoni iniziarono a utilizzare le statistiche per effettuare un'efficace raccolta di dati sulla loro popolazione, in modo da aver finito per determinare quanti individui o schiavi avrebbero usato per l'erezione delle piramidi d'Egitto, per contare i tesori e ricchezza possedevano e mantenevano il controllo dell'intero territorio.
  • Roma: il suo uso iniziò nell'impero romano, quando i sovrani dell'antica Roma decisero che dovevano eseguire il controllo delle nascite, morti, ricchezza, terra e tutto ciò che aveva a che fare con il denaro a livello fiscale all'interno del loro territorio. La sua implementazione segnò un prima e un dopo in epoca romana e a poco a poco fu usata dai costumi fino ai tempi attuali.
  • Grecia: hanno iniziato a essere usati per stabilire la democrazia, cioè l'imminente diritto di voto, ma sono stati anche usati per implementare il servizio militare e quante persone erano necessarie per questi nuovi meriti. Come nel resto delle civiltà, i sovrani dell'antica Grecia mantennero il controllo della loro popolazione con censimenti per la distribuzione di terre e ricchezza.
  • Cina: accadde nell'era dell'Imperatore Yao, approssimativamente nell'anno 2238 a.C., per condurre un calcolo esatto dell'agricoltura, del commercio e delle attività industriali nell'antica Cina. In questo modo, il sovrano ha mantenuto un ordine nel mondo degli affari.
  • Medio Oriente: i Sumeri contavano gli abitanti di quella che era conosciuta come l'antica Babilonia, infatti il ​​numero totale era di 6000 persone. Sono anche venuti a trovare vecchi tablet in cui avevano i dati delle procedure legali della città, i suoi affari e la ricchezza.
  • Popolo ebreo: questa scienza non era solo utilizzata per ottenere dati militari, ma anche per stabilire l' esatta quantità di coloro che entrarono nei templi .
  • Messico: nell'anno 1116, il vecchio re Xólotl ordinò che tutti i suoi sudditi fossero censiti a causa della migrazione che le tribù Chichimeca stavano effettuando.
  • Spagna: dall'anno 1528 iniziarono ad essere eseguiti censimenti in diverse parti di questo paese, tutti con obiettivi diversi ma con risultati favorevoli per i sovrani di quel tempo.
  • Inghilterra: la contabilità di nascite e morti ha avuto un aumento totale a causa della grande pestilenza che ha travolto quel territorio durante il 1500. Quando hanno ottenuto risultati, hanno iniziato a fare diversi grafici statistici per controllare le morti causate dalla malattia.

Classificazione statistica

È già stato chiaro che questa scienza è isolata, che non appartiene al resto delle scienze esatte perché genera solo probabilità, si riflette in caratteri numerici che non sono esatti, almeno per molto tempo, poiché possono sorgere cause diverse che generare lievi o drastici cambiamenti, ad esempio la contabilità di una popolazione, che può essere modificata in base al numero di nascite e morti registrate mensilmente o annualmente in un determinato territorio. Tuttavia, la classificazione delle statistiche è divisa in due aspetti, che saranno spiegati di seguito.

Statistiche descrittive

Questa è la valutazione di un determinato fenomeno o problema osservandolo, quindi viene presentata attraverso grafici e dati statistici che non solo riescono a trovare i dettagli del fenomeno, ma ne monitorano anche il comportamento . Affinché questo aspetto proceda, è necessario eseguire una serie di passaggi, prima i dati statistici vengono raccolti attraverso campioni precedentemente osservati, quindi tutti i campioni ottenuti vengono analizzati per classificarli, quest'ultimo processo non è altro che il raggruppamento del parametro statistico o dati diversi ottenuti durante l'inchiesta.

Statistiche inferenziali

statistica

Per quanto riguarda questo aspetto, è uno studio specifico del comportamento della popolazione sottoposto al censimento .

Lo studio individua alcuni campioni che servono da test per determinare la ragione di questo comportamento o fenomeno che si è sviluppato in quella comunità, popolazione o territorio. Affinché questo aspetto della classificazione delle statistiche sia logico e proceda, è davvero indispensabile conoscere cos'è una popolazione e sapere come differenziarla da un campione. L'ipotesi è uno dei pilastri fondamentali di questo aspetto, creando un mezzo referenziale dei risultati ottenuti.

Per dissipare i dubbi che di solito compaiono dopo la menzione delle statistiche inferenziali, la popolazione è un concetto che si riferisce a un gruppo di persone la cui caratteristica universale è il raggruppamento. Il campione, al contrario, è l'assunzione della stessa popolazione e che successivamente subirà studi diversi per iniziare finalmente una categorizzazione.

Grazie ad entrambi, la statistica inferenziale riesce a elaborare una serie di ipotesi e teorie applicabili nella coniugazione delle circostanze e delle alternative che possono essere utilizzate in essa. Con tutto ciò chiaro, è ovvio che le conclusioni sono imminenti per questo aspetto.

Metodi statistici

A questo punto tende ad essere abbastanza generale, poiché il metodo statistico non è altro che lo studio dei dati ottenuti, in modo che vengano verificati e valutati per sapere se verranno accettati o successivamente scartati.

Per arrivare al metodo statistico, è necessario utilizzare l' induzione, la deduzione e l'ipotesi . Ci sono 3 filoni che sono innescati da questi metodi e che hanno un peso in diverse aree della scienza, tra cui la loro applicazione nei diversi rami scientifici esistenti, i tipi di grafici statistici e il controllo statistico dei processi.

Applicazione di statistiche in diversi settori

Chiamato anche statistica applicata e il suo obiettivo principale è, attraverso le statistiche inferenziali, conoscere il comportamento di una determinata comunità, concludendo con un campionamento statistico di diversi parametri . Questo può essere applicato nei rami esterni alle statistiche stesse, ad esempio psicologia, biologia, storia, medicina ... Anche nelle statistiche del calcio.

Il campionamento statistico viene preso in considerazione a causa delle ipotesi che ne derivano: qui si applicano anche la modalità statistica, la mediana statistica e la cosiddetta variabile statistica. perché i pacchetti statistici sono utilizzati nei programmi educativi.

Tipi di grafici statistici

Il modo migliore per acquisire i risultati e i dati ottenuti da diversi studi è attraverso i grafici, anche se è chiaro che ognuno ha le sue differenze specifiche e utilizza, ad esempio, i grafici a barre vengono utilizzati per acquisire percentuali o specificare le informazioni fornite da un popolazione determinata.

I grafici settoriali vengono utilizzati esclusivamente ed esclusivamente per esprimere le percentuali di popolazione, provenienti da scuole o da grandi territori. I pittogrammi sono illustrazioni, cioè disegni. Sono generalmente utilizzati in argomenti legati alla moda. Gli istogrammi rappresentano una variabile statistica attraverso barre proporzionali ai valori.

Infine, il poligono delle frequenze si basa su grafici lineari che rappresentano gli improvvisi cambiamenti che sono stati generati in una determinata popolazione a causa degli incidenti prodotti in un determinato periodo di tempo. Questo grafico nasce dai punti che sono uniti nelle basi che si trovano nei livelli superiori delle barre di un diagramma. Questo tipo di calcolo può essere utilizzato anche negli istogrammi, tuttavia, questo è il modo migliore per portare una registrazione a livello grafico.

Cos'è il controllo statistico dei processi

Questo è l' uso corretto dei grafici per differenziare i dati ottenuti nelle diverse indagini e studi condotti su una determinata popolazione. Il controllo statistico del processo ha il compito di differenziare le variazioni dei fenomeni importanti studiati, compilare i parametri, i campioni e le misurazioni dell'intero processo, chiarendo che la potenza di questo controllo si basa sulla capacità di monitorare il centro di i fenomeni. È correlato al controllo statistico della qualità perché molte tecniche e metodi vengono utilizzati per ottenere risultati ottimali.

statistica

Tra questi metodi ci sono studi sperimentali e l'osservazione di ciascuno di essi. Questi funzionano grazie all'indagine sulla causalità di ciascuna indagine e alle conclusioni che si ottengono per mezzo di valori e variabili indipendenti degli studi statistici della popolazione che è in corso. In entrambi gli studi sperimentali e osservazionali, viene effettuato un monitoraggio infinito su tutte le variabili che presentano i fenomeni di comunità . Questi metodi sono efficaci e indispensabili nell'analisi delle informazioni che vengono gestite con cura.

D'altra parte, ci sono i livelli di misurazione. Esistono 4 tipi di questi livelli e ciascuno con diversi gradi di applicazione nelle statistiche. Il livello di misurazione del rapporto è più flessibile e viene utilizzato per eseguire diverse analisi dei parametri raccolti .

Le misurazioni dell'intervallo hanno distanze interpretate da una misurazione all'altra, ma alla fine hanno un valore zero senza significato, proprio come nei calcoli del QI . Le misure ordinali contengono differenze marcate e imprecise tra i valori classificati come consecutivi, tuttavia l'ordine ottenuto è interpretabile.

Infine, esiste la misurazione nominale ed è considerata la scala di livello più basso perché si basa sulla categorizzazione o sul raggruppamento degli elementi in base alle loro classi. Se presti attenzione a questo, diventa chiaro che la misura ordinale ordina i numeri e gli intervalli hanno l'unità delle misure costanti e comuni. Sono tutti diversi anche se appartengono allo stesso livello di categorizzazione. Ora il fattore zero sulla scala di intervalli uguali è totalmente arbitrario e non influenza né riflette alcuna assenza nelle quantità misurate.

Queste scale, oltre a contenere le caratteristiche generali delle misurazioni ordinali, riescono a determinare la densità, l'ampiezza e la portata della distanza tra ciascun elemento dei livelli. La misurazione del rapporto è considerata il livello più alto di tutte le misurazioni perché ha un fattore zero della sua stessa origine, quindi differisce dagli intervalli, perché il suo fattore zero definisce l'assenza della grandezza da valutare. Se durante l'inchiesta si osserva una totale mancanza di proprietà, l'unità di misura viene utilizzata per ottenere l'effetto desiderato.

Se ci sono variabili identiche nei numeri che sono stati assegnati, allora variabili identiche corrispondono nei gradi degli attributi che sono presenti nell'oggetto dell'indagine. A tutto ciò aggiungiamo le tecniche di analisi statistica, che sono test e procedure essenziali nelle indagini di questa scienza, è la frequenza accumulata, la regressione, la varianza, l'analisi fattoriale confermativa ed esplorativa, la correlazione, che è classificato nell'analisi di correlazione di Spearman e nell'analisi di correlazione di Pearson. Oltre a ciò, seguono altri importanti studi.

statistica

Queste sono le frequenze statistiche, i grafici statistici, l'iconografia delle relazioni statistiche studiate e successivamente utilizzate, i test del chi-quadro, il test di Fisher meno significativo , il test T di Student e il test U di Mann-Whitney. Ognuno di questi test e analisi sono utilizzati in metodi statistici per ottenere risultati favorevoli e comparativi, in modo che possano essere utilizzati nelle diverse popolazioni esistenti. Grazie a tutti loro, puoi avere un'idea abbastanza chiara di cosa sia questa scienza, come funziona, il modo corretto di affrontarla e, soprattutto, come usarla su base giornaliera.

Qual è la popolazione statistica

Come accennato in precedenza, la popolazione statistica è un gruppo di persone, elementi e persino oggetti raggruppati secondo una serie di caratteristiche speciali . Il loro raggruppamento li differenzia in particolare tra il resto delle popolazioni o comunità del mondo.

È possibile determinare una statistica in essi grazie a diversi censimenti e, in generale, vengono prelevati alcuni campioni per condurre indagini in base al loro comportamento o fenomeno. La varianza statistica è proporzionale ai grafici acquisiti in ciascuna indagine . Le attività vengono svolte nelle scuole per calcolare la popolazione di un sito specifico, per loro usano il formato statistico 911.

Quando i campioni vengono sottoposti a un'analisi rigorosa ed esauriente, i risultati vengono applicati al resto della comunità per iniziare a realizzare l'ipotesi statistica e le teorie della reazione, questo si chiama inferenza statistica.

L'intervallo statistico calcolato, come la frequenza statistica, non è altro che la stima dei dati di una comunità precedentemente selezionata, studiata e infine censita. Questa popolazione ha una serie di elementi importanti che non possono essere trascurati in questa scienza o in nessuno dei suoi rami isolati. Questi elementi saranno ampiamente spiegati nella sezione seguente.

Elementi della popolazione statistica

All'interno delle statistiche ci sono i parametri o i dati, la popolazione che sarà oggetto di studio e i campioni, che vengono presi per iniziare con le indagini, i confronti e l'applicazione dei risultati. Ora, quando si parla di popolazione, ci sono una serie di elementi che non possono essere ignorati. perché senza di loro non ci sarebbe comunità o gruppo di persone o oggetti per la ricerca o il censimento . In statistica, un elemento non è solo una persona, è qualcosa la cui esistenza è reale, che si tratti di una proprietà, un oggetto, denaro, gioielli, persino tempo o temperatura.

Tenendo conto di ciò, è possibile superare il seguente punto importante: le sue caratteristiche . Sì, ogni elemento ha una caratteristica diversa e questo perché, poiché è un elemento vario e che non è solo soddisfatto dell'umanità ma anche di oggetti e beni mobili e immobili, è necessario raccogliere una serie di caratteristiche che ne consentano il corretto raggruppamento . Ad esempio, nel caso delle persone, le caratteristiche da raccogliere sono età, peso, sesso, altezza, tonalità del corpo, colore dei capelli, colore degli occhi, livello di istruzione, professione, cultura e persino religione.

statistica

Ognuno di questi aspetti aiuta la categorizzazione di ciascun elemento e ci consente di continuare al punto successivo: qualità e numero di elementi .

Ad esempio, una popolazione finita, che viene identificata contenendo un certo numero di elementi (Studenti di una classe di matematica o persone ammesse in un istituto medico) Ora, c'è la popolazione infinita, che è caratterizzata da un numero di elementi incerti, un chiaro esempio di ciò sono i prodotti che possono essere nel mercato online o fisico. Ci sono così tanti di questi prodotti di base o comuni che si dice che siano letteralmente infiniti.

È importante sottolineare il fatto che negli studi statistici raramente lavori con gli elementi totali di una popolazione proprio a causa del punto precedente (finito o infinito), quindi qui il campione assume un ruolo guida, che è considerato un sottoinsieme di la popolazione statistica. Il campione è tratto da elementi che condividono caratteristiche estremamente simili e, successivamente, vengono confrontati con altri elementi che non hanno assolutamente nulla in comune. Le modalità di questi elementi, soggetti o oggetti sono soggette a valutazione durante tutto il processo di ricerca.

Raccomandato

Comprensione scritta
2020
Scrittura glifica
2020
Mural
2020