splendori

La parola fastos deriva dalle radici latine, dalla voce "fastus", e questo deriva da una radice indoeuropea. Fastos noto anche come fasto è un termine usato nell'antica Roma per descrivere il calendario o l'almanacco in cui erano organizzate ciascuna delle possibili date delle numerose celebrazioni, giochi, eventi, eventi memorabili e feste di quel tempo. Da parte sua, si potrebbe anche dire che quelli erano i giorni in cui le divinità superiori permettevano di fare affari e lavorare; e quelli a cui non era permesso svolgere queste attività erano conosciuti come "ne fastus" o "nefasti".

splendori

Fu il grande poeta romano di nome Ovidio che, nella piena maturità della sua vita, compose il calendario poetico chiamato "Fastos", dove manifesta le numerose feste romane e la storia relativa a ciascuna di esse; Questa figura pubblica scrive ciascuno dei mesi dell'anno, di cui finora sono conservati solo i primi sei mesi dell'anno . In questo lavoro cerco di illustrare il calendario romano con la peculiarità di spiegare l'origine dei nomi dei mesi, nonché l'origine delle feste e quelle caratteristiche astronomiche di ogni momento.

Questi scritti sono composti da sei libri, dedicati ai primi sei mesi dell'anno; A causa dell'8 ° anno in cui il primo imperatore dell'Impero romano, Cesare Augusto espulse Ovidio per la sua opera " Arte dell'amore ", per essere famoso fino al mese di giugno. Tutti questi scritti iniziano con la spiegazione di ciascuna delle possibili origini del nome del mese ad esso correlato.

I mesi sono stati organizzati come segue : nel libro I del mese di gennaio, relativo alla divinità Giano; II febbraio associato al termine Dio; libro III, marzo con la divinità Marte; il IV di aprile riguardava la divinità chiamata Venere; lo scritto V per maggio associato a Las Musas e, infine, il libro VI, giugno relativo a Giunone e Juventus

Raccomandato

America
2020
antropometria
2020
proletariato
2020