Scuola classica

Ai nostri giorni, ci sono innumerevoli sforzi che sono fatti per comprendere lo sviluppo dell'economia. Ecco perché esiste una branca dedicata in particolare allo studio di questo: la storia delle scuole del pensiero economico. Queste scuole, a volte chiamate anche correnti, sono state presentate fin dall'antichità, con pensatori come Pitagora, Aristotele, Platone e Omero, autori di testi sui primi sistemi politici ed economici conosciuti. Tuttavia, non è fino al Medioevo quando, molto più frequentemente, vengono sviluppati nuovi ideali economici.

Scuola classica

Dopo diversi secoli e tentativi, arriva la cosiddetta "economia classica", con una forte presenza verso il 18 ° secolo. Adam Smith è menzionato come l' autore principale, con il libro The Wealth of Nations; anche autori come Jean-Baptiste Say e David Ricardo dovrebbero essere messi in evidenza. Era noto per il suo rifiuto del libero mercato e la sua metodologia inquadrata nell'empirismo . Ha avuto una forte influenza da parte dei primi sviluppi scientifici, come quelli di Isaac Newton . Nonostante ciò, è stato ampiamente respinto, rimanendo attivo fino al 20 ° secolo.

Si concentra sull'analisi di come i lavoratori ottengono un determinato stipendio e di come la ricchezza di una nazione origina e cresce. I suoi seguaci tendevano a guardare al futuro con notevole pessimismo, che gli valse il soprannome: scienza cupa. La scuola marxista è normalmente menzionata come parte dell'economia classica, poiché il suo principale precursore, Carl Marx, è stato colui che ha coniato il termine e ha preso gran parte delle basi su cui si fondava questa corrente.

Raccomandato

glicemia
2020
naso
2020
Cupcake Android
2020