Scala di Glasgow

È una scala progettata e utilizzata neurologicamente per misurare il livello di coscienza di una persona che potrebbe aver subito una lesione cerebrale traumatica multipla. Scoperto da Bryan Jennett e Graham Teasdale nel 1974 . Secondo gli studi condotti da esperti, la valutazione varia da tre a quindici punti, tre sono il punteggio più basso che si può ottenere e quindici il punteggio più alto. Il punteggio dipenderà da tre studi effettuati che saranno effettuati durante le 24 ore successive all'evento.

Scala di Glasgow

Descrivendo gli studi da svolgere abbiamo:

Capacità di apertura oculare : il paziente sarà valutato in base alla sua capacità di aprire gli occhi, se la sua apertura è spontanea il loro punteggio sarà 4, se la loro apertura è richiesta, ciò significa che quando sentono una frase o un'istruzione, il loro punteggio è tre, se la sua apertura è dovuta all'indurre dolore su muscoli specifici, il suo punteggio sarà 2 e se la sua apertura è nulla, il punteggio sarà 1.

Abilità verbale : è la capacità del paziente di rispondere ad alcune domande e quindi valutare il suo orientamento se sa chi è e perché è lì, si dice che la sua risposta sia orientata e il suo punteggio sarà cinque, se risponde a una normale conversazione ma quelli le risposte non sono collocate nel tempo o nello spazio, si chiamerà confusione e il suo punteggio sarà quattro, se non è possibile avere una conversazione in fila con il paziente e il paziente è offuscato e grida, si dice che sia incoerente, il suo punteggio sarà tre, se il paziente emette suoni Incomprensibile e geme il suo punteggio sarà solo due, e infine se il paziente manca di risposta verbale ne otterrà semplicemente uno.

Capacità motoria : è la capacità che il paziente deve spostare alcune parti del suo corpo ricevendo ordini specifici se il paziente riceve ordini e li esegue pienamente e opportunamente, il suo punteggio sarà 6, se la sua risposta a un movimento è indotta da stimoli di dolore e pienamente inteso, il suo punteggio sarà cinque, se invece la risposta del paziente allo stimolo effettuato è un tentativo di ritiro spontaneo, il suo punteggio sarà solo quattro, se il paziente inarca le mani e presenta dolore a livello del torace quando applica lo stimolo, il suo punteggio sarà di tre, il punteggio sarà due se il paziente presenta un'estensione degli arti superiori e inferiori e la rotazione dell'avambraccio, e infine il suo punteggio sarà uno se non c'è risposta motoria .

Oltre a questa scala, che è per adulti o persone consapevoli, ci sono altre varianti della scala di Glasgow per bambini e neonati che non sono consapevoli di dimostrare dolore o risposta motoria.

Raccomandato

riproduzione
2020
viscosità
2020
911 emergenze
2020