Rivoluzione cinese

La rivoluzione cinese si manifesta, a seguito di un vasto conflitto civile iniziato nel 1927 in Cina e che aveva come partecipanti i cosiddetti nazionalisti (guidati dal generale Chiang Kai-shek) e i comunisti (guidati da Mao Zedong) e che avevano Infine, il trionfo del Partito Comunista, che, dopo la vittoria, fondò la Repubblica popolare cinese nel 1949.

Prima che sorgesse questa rivoluzione, il partito nazionale, che era allora al potere, cercò in tutti i modi di creare una nazione che fu rafforzata, centralizzata e, soprattutto, militarizzata. Tuttavia, i requisiti del trattato di Versailles, che accettava il potere del Giappone sulla base della Cina, e rendevano possibile la ricerca di una via d'uscita studiando un accordo con l'Unione Sovietica.

Rivoluzione cinese

Precisamente, dalla parte dell'opposizione e sempre incanalato verso il comunismo sovietico, c'era il capo del partito comunista cinese Mao Zedong . Questo leader ottenne apprezzamento popolare, poiché a quel tempo c'era molto malcontento tra la classe marginale, che dovette soffrire a causa della crisi sociale in cui vivevano.

Dopo la guerra dell'oppio, la Cina fu costretta ad entrare nel commercio estero. Come è noto, a quel tempo la Cina era un paese completamente agricolo e dove la maggior parte delle sue terre era sotto il potere del settore privato, che rimase strutturato sotto un rigido regime feudale.

Durante la seconda guerra mondiale, il Giappone sequestrò la Cina e le due forze interne (nazionalisti e comunisti) che erano in conflitto decisero di unirsi per combattere il pericolo esterno. Tuttavia, l'esercito nazionalista era più interessato alla sua lotta interna contro il comunismo che al tentativo di sconfiggere le aspirazioni del Giappone. Una volta terminata questa battaglia, la discordia interna continuò, ma questa volta con grande intensità, mostrando così il potere delle forze rivoluzionarie.

Alla fine di tutto questo conflitto interno che la Cina stava vivendo in quel momento, il Partito Comunista guidato da Mao fu vittorioso, essendo questa la prima vittoria che ebbe una nazione dipendente e semi-coloniale. Si può quindi affermare che tutta quella strategia elaborata da Mao e la cui teoria era basata sulla strada dalla campagna alla città, dove il contadino aveva il potere principale e il proletariato era la forza che presiedeva, vinceva. Vale a dire che miliardi di contadini e operai, sotto la guida di Mao, videro cristallizzare il sogno della liberazione nazionale e soprattutto sociale, annunciando il 1 ° ottobre 1949 l'istituzione della Repubblica popolare cinese.

Raccomandato

nervo
2020
Zona contigua
2020
bullismo
2020