Relativismo etico

Il relativismo etico è la teoria che sostiene che non esiste una regola universale assoluta nella rettitudine morale della società. Di conseguenza, si sostiene che la prestazione etica di un individuo dipende o è relativa alla società a cui appartiene. Si chiama anche relativismo epistemologico, poiché la sua idea di base è che non ci sono verità universali sul mondo, solo modi diversi di interpretarlo. . Questo risale alla filosofia greca, dove hanno lavorato con la frase "l' uomo è la misura di tutte le cose".

Nelle antiche antenne, i sofisti erano famosi relativisti, come Protágoras de Abdera, che diceva che l'uomo era colui che gli imponeva le cose, quindi l'importante era realizzare una vita giusta e dignitosa senza cercare di cercare. essere. L'apogeo del relativismo è raggiunto dal sofista Gorgia, che nel suo trattato "Sul non essere" nega la validità del linguaggio e la possibilità di raggiungere la conoscenza. Questo punto di vista fu contrastato da Socrate e Platone, difensori dell'oggettivismo.

Relativismo etico

Il relativismo etico conclude che la moralità è fortemente influenzata dalle convenzioni sociali che si verificano in una determinata cultura e mostrano i costumi di un popolo . Da questo punto di vista, per comprendere la moralità di un popolo, è conveniente attenersi alle proprie tradizioni. Alcune tradizioni che non sono universali ma specifiche per un luogo specifico.

Il relativismo etico relativizza anche i più importanti principi morali. Uno di questi, il principio di giustizia che è fondamentale per mantenere l' ordine sociale . Lungi dal credere in principi oggettivi che possono avere validità universale, al contrario, il relativismo etico mostra il potere della soggettività e il punto di vista personale.

Ciò che è considerato moralmente corretto e scorretto varia da una società all'altra, quindi non ci sono standard morali universali, possiamo dire che alcune delle caratteristiche del relativismo etico sono le seguenti:

  • Se sia corretto o meno che un individuo agisca in un determinato modo dipende o è relativo alla società alla quale appartiene.
  • Non esistono standard morali assoluti o oggettivi che si applicano a tutte le persone ovunque e in ogni momento.
  • Il relativismo etico sostiene che anche al di là dei fattori ambientali e delle differenze nelle credenze, ci sono disaccordi fondamentali tra le società. In un certo senso, viviamo tutti in mondi radicalmente diversi.
  • Ogni persona ha una serie di credenze ed esperienze, una prospettiva particolare che colora tutte le sue percezioni.
  • I loro diversi orientamenti, valori e aspettative regolano le loro percezioni, quindi spiccano aspetti diversi e alcune caratteristiche si perdono. Anche quando i nostri valori individuali derivano dall'esperienza personale, i valori sociali si basano sulla storia peculiare della comunità.

Raccomandato

Tredici colonie
2020
monarchia
2020
Agricoltura commerciale
2020