Rea

Rea era uno dei Titani, figlia di Urano e Gea . Era la sorella e la moglie di Cronos, anch'essa un Titano. Era responsabile di come le cose scorrono nel regno di Chronos (il suo nome significa "ciò che scorre").

Rea

Rea e Cronos hanno avuto sei figli; Estia, Ade, Demetra, Poseidone, Era e Zeus. Cronos, temendo di essere rovesciato dai suoi figli come aveva fatto con suo padre, decise di ingoiarli tutti . Tuttavia, fu ingannato da Rea, che riuscì a salvare Zeus da suo padre. Quando Zeus è cresciuto, ha costretto suo padre a rigurgitare i suoi fratelli e alla fine lo ha rovesciato.

Sebbene Rea fosse considerata la "madre degli dei", analogamente a Gaea e Cibele, non aveva un culto forte e molti seguaci. Aveva un tempio a Creta, il luogo dove nascondeva Zeus per salvare suo padre. In arte, iniziò ad apparire nel IV secolo a.C .; Tuttavia, è stata spesso raffigurata con caratteristiche simili a quelle utilizzate per Cibele, rendendo indistinguibili le due dee. Rea era spesso simboleggiata da una coppia di leoni portati fuori da un carro celeste. Questo simbolo veniva spesso posto sulle porte della città, l'esempio più noto era quello della città di Micene, dove due leoni di pietra sorvegliavano le porte.

Rea era la madre Titani, degli dei e dea della fertilità femminile, della maternità e della generazione. Il suo nome significa " flusso " e "facilità". Come moglie di Cronos, rappresentava l'eterno flusso del tempo e delle generazioni; Come la grande Madre, il "flusso" era sangue mestruale, acque di nascita e latte. Era anche una dea di conforto e agio, una benedizione riflessa nella comune frase omerica "gli dei che vivono a proprio agio".

Nel mito, Rea era la moglie di Titano Cronos (Cronos) e Regina del cielo . Quando suo marito ha sentito una profezia che sarebbe stato deposto da uno dei suoi figli, ha iniziato a deglutire ciascuno di loro non appena sono nati. Ma Rhea portò segretamente suo figlio minore, Zeus, e lo nascose in una grotta a Creta, sorvegliata dai Cureti, che si opponevano allo scudo. Invece, presentò a Cronos una pietra avvolta dal pannolino che divorò rapidamente.

Rea fu fortemente identificato con la dea madre anatolica Cibele . Entrambi erano raffigurati come donne matrone, di solito con una corona a torretta, e assistiti da leoni.

Raccomandato

Empleo
2020
Banner
2020
attivismo
2020