Psicologia organizzativa

La psicologia organizzativa, nota anche come psicologia del lavoro, è una delle applicazioni della psicologia, in cui viene studiato il comportamento degli esseri umani sul luogo di lavoro, concentrandosi, a sua volta, su come la struttura dell'organizzazione influisce nello sviluppo e nello svolgimento delle attività dei dipendenti. In generale, questo è di solito confuso con la psicologia del lavoro, quella in cui il lavoratore è specificamente studiato, le loro relazioni lavorative e sociali, oltre allo sviluppo che hanno sul lavoro, oltre a identificare possibili conflitti, al fine di fornire gli strumenti necessari per risolverli e prevenirli.

Psicologia organizzativa

pubblicità

Fu durante la seconda guerra mondiale che l'interesse per la psicologia organizzativa fu rinnovato nel tentativo di reclutare personale qualificato per lavori tecnologicamente avanzati. In questo modo si potrebbero stabilire le caratteristiche psicologiche e intellettuali dei lavoratori ideali. Al termine, i dipendenti tornarono ai loro normali lavori, ma sorse un crescente malcontento, tanto che verso gli anni '60, ancora una volta, iniziarono gli studi sul capitale umano delle aziende. Quindi, la prospettiva generale inizia a essere vista, vedendo il lavoratore come uno dei pezzi del grande sistema che costituisce la società.

Tra gli obiettivi di questa disciplina, alcuni possono essere trovati come: analisi dell'impiego, corretta assunzione del personale e selezione della stessa. In questo modo, il dipendente può assicurare una prestazione di successo, con un notevole miglioramento della produzione e, quindi, del reddito economico dell'azienda.

Raccomandato

pedagogia
2020
Servicio
2020
Scetticismo religioso
2020