pseudoartrosi

La pseudoartrosi è una falsa articolazione che si forma dopo una frattura i cui due frammenti ossei non si sono consolidati. È necessario sapere che una frattura ha bisogno di circa due mesi di immobilizzazione per formare il callo osseo, che, tra le altre cose, genererà dolore .

pseudoartrosi

In generale, è accettato che se il consolidamento osseo non viene eseguito in 6-8 mesi, affrontiamo la pseudoartrosi . Il processo di consolidamento può essere alterato disturbato da fattori meccanici, biologici o da una combinazione di entrambi. Il ritardo di consolidamento e la pseudoartrosi sono due processi che differiscono per patofisiologia, prognosi e trattamento. Il trattamento deve essere personalizzato tenendo conto di tutti i fattori presenti nel paziente, per affrontare in modo completo il problema. La pseudoartrosi delle ossa lunghe può essere trattata con una singola procedura chirurgica in oltre il 90% dei casi, i pazienti, con risultati buoni o eccellenti nel ripristino dell'asse meccanico e della lunghezza dell'arto interessato, nell'80% dei casi. casi.

Quando si verifica una frattura, alcune cellule del nostro corpo migrano immediatamente al centro della lesione . Questo per pulire l'area del tessuto leso, pulire l'area da eventuali impurità che possono esistere e preparare il tessuto in modo che altre cellule possano fare il lavoro di unione dei frammenti ossei in cui l'osso originale era separato. Con il passare delle settimane, si forma un nuovo osso per unire i frammenti e rafforzare il punto di frattura in modo che non avvenga una nuova separazione.

Durante una pseudoartrosi, le cellule del corpo sono mal programmate: capiscono che i frammenti ossei sono ossa individuali e non fanno nulla per cercare di unirli con il tessuto osseo . A volte il sito della frattura è unito, ma da tessuto flessibile, che provoca movimento.

Questo disturbo è comune nei bambini e quando le fratture non vengono spostate, poiché in entrambi i casi viene praticata meno assistenza ai pazienti poiché la loro evoluzione è normalmente più favorevole. Le ossa più colpite sono ossa lunghe come l'omero, il femore e la tibia.

Altri fattori che possono causare questo disturbo sono le fratture aperte in cui vi è un'ulteriore infezione, una cattiva immobilizzazione, disturbi circolatori locali che compromettono l'apporto locale di nutrienti, malnutrizione e carenze di vitamine e minerali, necrosi ossea e presenza di tessuti molli. tra le estremità delle ossa che interferiscono con la formazione del callo.

Raccomandato

Efector
2020
predicazione
2020
Semplice omicidio
2020