prosopopoeia

La prosopopeia è intesa come l' atto in cui la gravità o la solennità sono in grado di influenzare il modo in cui un individuo è in grado di esprimersi, talvolta estendendosi al modo in cui di solito agisce. In letteratura, è la figura retorica usata quando uno scrittore cerca di attribuire ad elementi o fatti che, normalmente, sono inanimati, caratteristiche caratteristiche della composizione morfologica dell'essere umano, o che fanno parte del suo comportamento. In un senso più ampio, la prosopopeia può anche essere indicata in storie in cui esseri irrazionali, per decisione dell'autore, agiscono, pensano e si sentono come un essere razionale; allo stesso modo accade quando le persone o gli animali morti hanno la capacità di comunicare.

prosopopoeia

L'obiettivo generale della prosopopeia è far sembrare gli oggetti e gli esseri non umani come se appartenessero alla razza umana . Queste possono essere entrambe piccole frasi sottili che arricchiscono il testo, anche lunghi scritti, in cui sono narrate le situazioni umane in cui è immerso un essere inanimato. Allo stesso modo, puoi trasformare ciò che descrivi in ​​una persona; In questo modo, è molto più facile per il lettore comprendere le sensazioni che l' oggetto genera per l'autore. Ecco perché è considerata una delle figure retoriche della finzione, poiché allude a situazioni che semplicemente non possono essere ricreate nella realtà fisica. Un chiaro esempio di prosopopeia è la poesia di Juan Ramón Jiménez "Vino, Primero, Pura", in cui la poesia riceve tratti umani, e questo non viene rivelato fino a quando la scrittura non è terminata.

Raccomandato

Metodo scientifico
2020
Sviluppo sostenibile
2020
cibo
2020