primati

La parola primate ha un'origine etimologica in latino. Per essere più specifici, deriva da "prima, primatis", il cui significato può essere "primo" o "principale". Con questo termine descrivono un ordine di mammiferi che, a loro volta, possono essere divisi in due sottordini: aplorrinos e strepsirrinos. Va notato che gli esseri umani fanno parte del sottordine degli aplorrini situato all'interno dell'ordine dei primati.

Di per sé si tratta di un gruppo di mammiferi plantigradi che hanno cinque dita alle estremità e che hanno i pollici opponibili al resto . Le testimonianze più antiche di questi mammiferi risalgono a 58 milioni di anni fa, tuttavia gli esperti sostengono l'ipotesi che questo ordine avrebbe potuto sorgere circa 85 milioni di anni fa.

primati

Nel campo della biologia, Carlos Linneo, un biologo di origine svedese, era incaricato di selezionare questa parola nel suo "Sistema naturae" al fine di designare le specie che considerava il capo del regno animale, che sono umani e scimmie, tra cui la capacità di parlare è stata stabilita come l'unica differenza, considerando entrambi come antropomorfi.

Ciò è sorto durante il Paleocene, circa 60.000.000 di anni fa. Oltre a loro conformano diverse specie, come ad esempio i leumoroideos, tra i quali sottolineano, il lemure catta, di piccole dimensioni, con una coppia di seni nel torace e un'altra nell'addome; i tarsiers, come nel caso dello spettro tarsio delle usanze notturne, che ha arti posteriori lunghi e orbite grandi; e i simioidi.

Alcune delle caratteristiche dei primati sono le seguenti: appartenenti al genere dei mammiferi, hanno estremità lunghe e pentadattili, cioè hanno 5 dita, il pollice è opponibile e tutti finiscono in unghie e non in artigli, come molti altre specie. D'altra parte, gli emisferi cerebrali sono considerevolmente sviluppati, mentre gli occhi hanno una direzione in avanti, poiché si trovano davanti al cranio, sul viso, che per inciso non è molto grande. D'altra parte, i suoi denti mancano di specializzazione e il suo odore è debole, rispetto ad altre specie. Hanno due seni pettorali e il loro corpo è protetto dai capelli.

Raccomandato

Newton
2020
esportazione
2020
Contouring
2020