porexpan

Porexpan, noto anche come polistirene espanso (EPS), è un prodotto utilizzato per coprire determinati prodotti o come materiale da costruzione. Intorno ai paesi d'America è conosciuto con nomi diversi, come anime (Venezuela), poli-schiuma (Cuba), tecnopor (Perù), Isopor (Brasile), Icopor (Colombia), oltre a molti altri. Una delle sue caratteristiche più straordinarie è il fatto che non favorisce la crescita dei batteri, quindi non può marcire, coprire con la muffa o decomporsi nel tempo. È un articolo abbastanza leggero, resistente all'umidità, agli urti o agli urti.

porexpan

È stato creato un settore basato sulla necessità di coprire determinati prodotti, considerati fragili, con Porexpán. Gli elettrodomestici sono oggetti comuni che devono essere coperti da qualcos'altro, per evitare che vengano danneggiati e che la loro funzionalità ne risenta. Anche i contenitori e i vassoi sono realizzati con esso, la cui missione principale è quella di ospitare bevande o alimenti che saranno commercializzati, essendo pratici perché sono usa e getta. Questa risorsa viene anche utilizzata nelle costruzioni, principalmente come isolamento termico, per coprire soffitti e, in alcuni casi, pavimenti e pareti.

L'EPS può avere forme diverse, che variano in spessore, consistenza, dimensioni e forma. Proviene da piccoli pellet di polistirolo, che passano attraverso un processo di pre-espansione e quindi vengono stampati attraverso un processo meccanizzato. Durante la sua creazione, vengono utilizzate risorse non rinnovabili dalla natura, così come è uno dei processi che contribuiscono al rilascio di sostanze chimiche nell'ambiente. Anche così, è riciclabile, creando oggetti come blocchi da esso; ma la sua distruzione finale deve essere effettuata, preferibilmente, in un impianto di incenerimento.

Raccomandato

Fattura proforma
2020
reincarnazione
2020
microeconomia
2020