paziente

La parola paziente deriva dal latino "patĭens" che significa soffrire o soffrire; Uno dei suoi compiti più comuni è come aggettivo, per descrivere che una persona è tollerante e calma, e che ha la pazienza di compiere o eseguire un'azione specifica senza dover essere sorpreso. Pertanto, nell'ambiente medico, l'individuo o il soggetto che soffre di un disturbo fisico o che ha bisogno di ricevere cure mediche viene chiamato paziente, quindi devono rivolgersi a un professionista della salute per curare le loro condizioni; che a differenza dell'altro termine deriva dal greco "pathos", che significa dolore o sofferenza; Queste due descrizioni sono le più comuni che possono essere utilizzate per definire la parola paziente.

paziente

In filosofia secondo la Royal Academy spagnola, il soggetto paziente è colui che riceve o sopporta l'azione di un agente . E in grammatica svolge un ruolo simile, al sopra menzionato, dal momento che è lui che riceve l'azione del verbo ed esegue il compito sintattico del soggetto dei verbi nella voce passiva.

Riferendosi al primo punto, l'essere umano nasce cento impaziente, in cerca di soddisfazione immediata; e nell'adolescenza l'impazienza raggiunge il massimo grado poiché l'organismo dell'adolescente sperimenta una vera rivoluzione che provoca comportamenti estremi.

Successivamente, parlando del paziente in termini medici, è possibile trovare diversi tipi di paziente, a seconda del paziente o di cosa necessita il trattamento "target =» _ blank "> per alleviare i suoi disturbi. Questi includono pazienti oncologici, psichiatrici, traumatologici, ipertesi, emiplegici, emofiliaci, cardiaci tra molti altri. Ma per diventare un paziente e ricevere il trattamento in quanto tale, è necessario passare attraverso una serie di fasi come l'identificazione dei sintomi, quindi la diagnosi, seguita dal trattamento e infine dal risultato.

Raccomandato

torace
2020
amicizia
2020
Apelativo
2020