Numeri romani

Il sistema numerico romano è una metodologia non posizionale originata dagli antichi romani molto tempo fa e utilizzata in tutto il loro impero, poiché prima di questa invenzione ogni individuo portava un calcolo o un calcolo degli elementi che non erano ammessi separato dagli altri, per dimensione o forma, l'uomo aveva bisogno di usare le dita della mano per tenere conto . il grande impero romano si diffuse in tutto il continente europeo, il suo sistema di numerazione fu brevettato dall'Asia occidentale e dal Nord Africa; Perché questo metodo è stato molto utile e comodo per eseguire addizioni e sottrazioni e altri tipi di account. Già nella fase rinascimentale fu spostato da un altro sistema, quello indo-arabo .

Numeri romani

I numeri romani sono un sistema di numerazione in cui sette lettere maiuscole vengono utilizzate come simboli e a ciascuna di esse è stato assegnato un valore numerico, ad esempio I per 1, V per 5; X per 10; L per 50; C per 100; D per 500 e M per 1.000, quando si presentava la necessità di sostituire le parole principali, veniva utilizzato il principio moltiplicativo, che veniva utilizzato posizionando una linea orizzontale sopra i simboli. Oggi è utilizzato principalmente nel numero di capitoli e volumi di un'opera teatrale, negli atti e nelle scene di un'opera teatrale, nella designazione di congressi, Olimpiadi, assemblee, concorsi, nei nomi di papi, re e imperatori, capitoli di libri tra molti altri.

Storia dei numeri romani

L'aspetto della numerazione romana risale a tutta la storia dell'antica Roma, questi sono comparsi negli scritti dell'VIII e IX secolo a.C. Quando iniziarono a coltivare la terra e ad addomesticare gli animali, trovarono necessario in qualche modo contare le mandrie e le teste di bestiame, così iniziarono a usare segni sui tronchi degli alberi.

Col passare del tempo, i numeri sono diventati sempre più numerosi e hanno visto la necessità di inventare simboli, hanno iniziato a elaborarli posizionando i simboli uno dopo l'altro, cioè in una giustapposizione. Usando le lettere come simboli delle unità elementali.

In questo modo, "I" per l'unità sorge, ma quando molte unità presentarono e raggiunsero dieci "I" fu cancellato con una X e in questo modo la "X" divenne il numero 10, quindi si osservò che scrivere nove "I" era molto noioso e si pensava che ne creasse metà 10, cioè quando la "V" appare come il simbolo corrispondente al numero 5.

Il sistema numerico romano sorse da quello usato dagli Etruschi, una civiltà italiana che visse nel VII e IV secolo a.C. I romani si basavano sul metodo di addizione che è I e I erano II, V e II erano VII e II e II erano IIII. Nel tempo hanno implementato il metodo di sottrazione, ovvero il simbolo o il numero precedente sottratto da quello successivo, in questo modo 9 non sarebbe rappresentato come VIIII ma sarebbe IX con questo metodo la notazione dei numeri è stata tagliata dal usavano meno simboli, per esempio 4 non sarebbe più IIII ma IV.

L'uso dei numeri romani diminuì nel II secolo dopo Cristo con la caduta dell'Impero romano e furono sostituiti da numeri arabi . Al momento sono poco usati, solo occasionalmente come nelle scene teatrali, per nominare i secoli, nelle designazioni delle Olimpiadi, nel numero di papi, imperatori e re, in antichi orologi, concorsi e congressi.

Numeri romani da 1 a 100

  • 1: io
  • 2: II
  • 3: III
  • 5: IV
  • 6: V
  • 7: VII
  • 8: VIII
  • 9: IX
  • 10: X
  • 20: xx
  • 30: XXX
  • 40: XL
  • 50: L
  • 60: LX
  • 70: LXX
  • 80: LXXX
  • 90: LC
  • 100: C

Numeri romani

Come vengono usati i numeri romani

I numeri romani sono un sistema composto da simboli, ha 4 principali che sono I, X, C, M che corrispondono all'unità, diecentotre e tre figli che sono V, L, D corrispondenti ai numeri 5, 50 e 500, zero era sconosciuto ai romani, furono gli arabi a introdurlo nella numerazione.

I numeri più alti sono:

L: 50, C: 100, D: 500, M: 1000

Nei numeri romani vengono utilizzate solo lettere maiuscole:

  • Quando il numero o il simbolo viene ripetuto, vengono aggiunti i valori, ad esempio:

    I: 1, V: 5, X: 10, II: 2, III: 3, X: 10, XX: 20, XXX: 30

  • Quando un numero è posto alla destra del maggiore, è necessario aggiungere un esempio: VII: 7, VIV: 9, XIV: 14, XV: 15, XVII: 17, XX: 20, XIV: 24
  • Quando un numero più piccolo si trova a sinistra di un numero più grande, deve essere sottratto, esempio: IV: 4, IX: 9, XIV: 14, XIX: 19

Il numero uno in questo caso "I" può essere sottratto solo dai valori 5 e 10, ma non dai valori più alti, ad esempio:

IV e IX ma non IL o IC

Il numero due "II" non può essere sottratto due volte.

La figura di base 5 non può essere utilizzata per sottrarre, ad esempio:

per 45: XLV e non VL

I numeri maggiori o uguali a 4000 devono avere una linea orizzontale nella parte superiore del simbolo, ovvero V: 5000, X: 10000, L: 50000

Attualmente ci sono strumenti per convertire numeri arabi in numeri romani o viceversa, sono molto facili da usare sul web e sono chiamati, traduttori di numeri romani .

A cosa servono i numeri romani

Oggi la numerologia romana è ancora utilizzata in occasioni specifiche come:

  • Mantenere l'ordine nella numerazione dei capitoli di un libro e contare i loro volumi.
  • Nella progenie dei re.
  • Nell'ordine utilizzato per la nomina di nuovi papi.
  • In occasione di congressi, eventi sportivi, simposi vengono utilizzati per indicare il numero dell'edizione in cui si trovano.
  • Nel conteggio di secoli o periodi nel corso della storia.

Un esercizio per testare l'abilità con questa numerologia è quello di scrivere l'anno o quello che verrà, ad esempio il 2019 in numeri romani MMXIX è scritto seguendo le regole stabilite nell'aggiunta e sottrazione dei simboli.

Lo stesso simbolo o numero non deve essere ripetuto più di tre volte.

Il numero più piccolo deve essere alla sinistra del più grande deve essere sottratto.

È necessario aggiungere il numero più grande a destra di un simbolo o numero.

Negli ultimi anni, il boom e la popolarità dei tatuaggi è notevolmente aumentato, i suoi protagonisti principali sono attori, attrici, cantanti e atleti, i tatuaggi con numeri romani fanno parte dei disegni scelti per questa arte.

Incarnare questo modello di numeri sulla pelle risale all'Impero Romano, segnando così gli schiavi e i criminali di quel tempo. Il suo design accattivante e la sua applicazione ai tatuaggi sono diventati sempre più popolari nelle sale e studi di tatuaggi.

I tatuaggi numerici romani hanno un design con un significato nascosto che solo la persona a cui viene applicato il tatuaggio, sa cosa vuole rappresentare con i suoi simboli. Molte catturano date simboliche, come la nascita di un bambino, il giorno del loro matrimonio, la loro nascita e persino il loro numero fortunato.

I luoghi più comuni per applicare un tatuaggio con numeri romani sono sul polso, sulle spalle e sulle braccia, inoltre è consuetudine tatuare orologi antichi con numeri romani su altre parti del corpo.

Tutti i simboli dei numeri romani

I simboli dei numeri romani sono i seguenti:

    Valore del simbolo

  • I: 1
  • V: 5
  • X: 10
  • l: 50
  • C: 10
  • D: 500
  • M: 1000

Raccomandato

Design tessile
2020
bancario
2020
Unicode
2020