neurofarmacologia

La neurofarmacologia è apparsa nel campo scientifico all'inizio del 20 ° secolo perché gli scienziati erano finalmente in grado di comprendere le basi del sistema nervoso e il modo in cui i nervi comunicano tra loro, prima che questa scoperta scoprisse che i farmaci in qualche modo hanno dimostrato il influenza del suo effetto sul sistema nervoso.

neurofarmacologia

Nel 1930 gli scienziati francesi iniziarono a lavorare con un composto chiamato fenotiazina con l'obiettivo e la speranza di sintetizzare un farmaco in grado di combattere la malaria, tuttavia si trattava di un tentativo fallito per la scienza . Tuttavia, è stato dimostrato che ha effetti sedativi con quelli che sembrano essere effetti benefici nei pazienti con malattia di Parkinson.

Alla fine degli anni '40, gli scienziati erano già in grado di identificare i neurotrasmettitori come la noradrenalina (coinvolta nella contrazione dei vasi sanguigni e un aumento della frequenza cardiaca e della pressione sanguigna). La dopamina (una sostanza che è scarsa nella malattia di Parkinson), la serotonina (nota per i suoi benefici per quanto riguarda la depressione), l' invenzione della fissazione della tensione nel 1949 e il potenziale di azione nervosa furono eventi storici nella neuropharmacologia che consentivano Gli scienziati studiano come un neurone elabora le informazioni al suo interno.

Questo ambito è molto ampio e comprende molti aspetti del sistema nervoso dalla manipolazione di un singolo neurone a tutte le aree del cervello, del midollo spinale e dei nervi periferici . Per una migliore comprensione delle basi dello sviluppo di farmaci, è necessario innanzitutto capire come i neuroni comunicano tra loro.

Infine, la neurologia si basa sullo studio di come i farmaci influenzano la funzione cellulare nel sistema nervoso e sui meccanismi neurali in cui influenza il comportamento.Ci sono due rami principali della neurologia: comportamentale: si basa sullo studio di come I farmaci influenzano il comportamento degli esseri viventi e molecolari: coinvolgono lo studio dei neuroni e le loro interazioni neurochimiche, con lo scopo di creare farmaci a beneficio del sistema neurologico del cervello. Entrambi i campi sono correlati poiché riguardano le relazioni di neurotrasmettitori, neurolettici, neuroormoni, neuromodulatori, enzimi, tra gli altri.

Raccomandato

rabbino
2020
giudizio
2020
Natale carol
2020