Mita

La mita si riferisce a un sistema di lavoro obbligatorio che esisteva durante l'era coloniale, questo sistema di lavoro sorse in America, in particolare nelle regioni andine, durante il periodo Inca e durante la conquista spagnola dell'America. I lavori eseguiti erano pubblici, poiché in questo modo veniva reso omaggio allo stato .

Mita

Coloro che avevano l'obbligo di lavorare erano tutti quegli uomini sposati di età compresa tra 18 e 50 anni, con attitudini a lavorare nelle miniere, nelle tenute, negli edifici del tempio, nei ponti, nelle strade e facenti parte dell'esercito. Queste attività lavorative erano svolte da turni a rotazione e lo stato aveva il compito di fornire ai lavoratori le loro necessità di base.

La mita era considerata una grande fonte di reddito, ciò avveniva sulla terra del capo Inca o su quella dei sacerdoti. L'obbligo implicito dalla mita è durato fintanto che i lavoratori erano in quelle terre, poiché se li avessero abbandonati (cosa che poteva essere fatta liberamente) l'obbligo cessava.

Questo sistema di lavoro obbligatorio è continuato durante il periodo della sovranità spagnola, contribuendo allo sviluppo interno di un'economia di mercato con servizi e prodotti per la corona spagnola. Ogni gruppo indigeno ha offerto alla corona un numero specifico di lavoratori durante diversi mesi dell'anno. Questi lavoratori sono stati portati dai loro luoghi di origine nelle aree in cui hanno richiesto i loro servizi.

La mita decretò le quote di lavoro che dovevano essere adempiute dalla popolazione indigena, secondo l'incarico assunto dal corregidor (funzionario reale incaricato di eseguire tutti i tipi di opere pubbliche), sia per il servizio di encomendero (era lui che eseguiva gli ordini del re) come proprietario terriero o proprietario terriero. In cambio della forza lavoro, il consigliere aveva l'obbligo di catechizzare nella religione cattolica le persone che gli erano state affidate.

Raccomandato

semiotica
2020
Homo Sapiens
2020
Posta ordinaria
2020