metrica

È quel ramo della linguistica, che si occupa di classificare i versi e la rima che possiedono, potendo così definire diversi modi di scrivere le poesie. Ogni lingua ha caratteristiche diverse con cui guidare lo studio dei versetti, come la metrica spagnola, che a seconda del numero di sillabe e del tipo di rima, può fornire una certa versione della tecnica usata per scriverla; Da parte sua, in lingua ebraica si basa sul parallelismo, usandolo come il principale fenomeno riscontrato all'interno delle sue caratteristiche, la Bibbia è il più grande esempio in cui può essere apprezzato, dai versi, il modo più comune di usare il versetto. .

metrica

Si chiama scandalo per contare il numero di sillabe e, per questo, devono essere seguite alcune regole, come ad esempio: se l'ultima parola del verso è acuta, si dovrebbe aggiungere un'altra sillaba a quelle che già avevano; se termina in parole semplici, le sillabe già ottenute vengono semplicemente mantenute; se l'ultima parola è esdrújula, viene sottratta una sillaba; Se ci sono lacune o dittonghi all'inizio e alla fine di una parola, è possibile utilizzare la licenza poetica " synalepha "; altre regole saranno in balia dell'autore, che deciderà infine se eliminare o aggiungere sillabe all'inizio, al centro e alla fine di una parola, utilizzando diverse licenze poetiche .

I versi possono essere di arte minore ( contenente fino a 8 sillabe ) o di arte maggiore ( da 9 sillabe ). Allo stesso modo, può essere ossitono, parossitone e proparossitono, che terminano in acuto, grave o bussola, di conseguenza. Infine, le stanze sono quei gruppi tra 2 e 13 versi, che esprimono un'idea in sé e, inoltre, inculcano rime e metriche, per definire alcune tecniche di scrittura di poesie.

Raccomandato

Battisti
2020
oligarchia
2020
locanda
2020