Metodo Ruffini

Il metodo o la regola di Ruffini è un metodo che ci consente di dividere un polinomio per un binomio e ci permette anche di localizzare le radici di un polinomio per fattorizzarlo in binomi. In altre parole, questa tecnica consente di dividere o decomporre un polinomio algebrico di grado n, in un binomio algebrico, e quindi in un altro polinomio algebrico di grado n-1. E affinché ciò sia possibile, è necessario conoscere o conoscere almeno una delle radici del polinomio unico, affinché la separazione sia esatta.

Metodo Ruffini

Nel mondo matematico, la regola di Ruffini è una tecnica efficace per dividere un polinomio per un binomio della forma x - r . La regola di Ruffini è un caso speciale di divisione sintetica quando il divisore è un fattore lineare. Il metodo Ruffini fu descritto dal matematico, professore e medico italiano Paolo Ruffini nel 1804, che oltre a inventare il famoso metodo chiamato regola di Ruffini, che aiuta a trovare i coefficienti del risultato della frammentazione di un polinomio da parte del binomiale; Ha anche scoperto e formulato questa tecnica sul calcolo approssimativo delle radici delle equazioni.

Anni dopo, esattamente nel 1819 e poi nel 1845, questo metodo fu nuovamente affrontato da William George Horner, professore e matematico inglese, che indagò sugli studi effettuati dall'italiano Paolo Ruffini e sui suoi lavori su questa tecnica oggi utilizzati. Successivamente il metodo del matematico inglese fu usato dai matematici JR Young e De Morgan, quest'ultimo nato in India.

Raccomandato

Prohibición
2020
reato
2020
termologia
2020