Medioevo

Il Medioevo è il periodo della storia situato tra l'età antica e moderna. Inizia con la caduta dell'Impero Romano d' Occidente nel 476 e termina con la caduta dell'Impero Romano d'Oriente (chiamato anche Impero Bizantino) nel 1453, data che ha la particolarità di coincidere con l'invenzione della macchina da stampa. Durante questo periodo, la chiesa ebbe una notevole presenza, poiché poteva influenzare le decisioni politiche ed economiche.

Medioevo

Qual è il Medioevo

Conosciuto anche come Medioevo o Medievo, è il periodo storico che ha avuto luogo tra il V e il XIV secolo e in cui numerosi eventi nelle sfere politica, religiosa, culturale, tecnologica e intellettuale, hanno contribuito a definire ciò che più avanti nel La storia sarebbe conosciuta come l'età moderna, insieme alla quale ha plasmato l'età contemporanea o ai nostri giorni.

Durante questa era, che è durata quasi un millennio, la chiesa ha avuto un ruolo di primo piano nelle decisioni politiche ed è stata strettamente legata agli imperi e ai regni che hanno sfilato per secoli nei continenti.

Dati dal Medioevo

Essendo un lungo periodo, che praticamente ha attraversato un migliaio di anni, ci sono state grandi modifiche in tutti gli aspetti e gli eventi che hanno dato una svolta storica alla storia dell'umanità. Successivamente, i dati che aiutano a capire cos'è il Medioevo.

Periodo in cui è trascorso

Esistono diverse teorie su quanti anni siano durati esattamente questo periodo, poiché, sebbene gli storici concordino sul fatto che l'inizio fosse nell'anno 476, diversi stabiliscono che la fine fu prodotta nell'anno 1453 in coincidenza con l'invenzione della macchina da stampa e altri, che terminarono nel 1492, l'anno in cui l'esploratore Cristoforo Colombo arrivò in America. Ciò che è chiaro è quanti secoli è durato il Medioevo, che erano 11 (dal 5 al 15).

iniziazione

Ciò avviene nella storia quando l'Età Antica termina nella civiltà occidentale, in coincidenza con la caduta dell'Impero Romano d'Occidente nell'anno 476. Ma una parte degli storici sostiene che esistesse l' Età tarda antica, che si estenderebbe fino al VI e al VI secolo. VII, che definirebbe il passaggio graduale da un'era all'altra. Altri autori francesi giunsero a considerare che l'Età Antica era presente fino al IX e all'XI secolo.

La transizione dall'Antico al Medioevo ebbe luogo gradualmente, poiché vi furono vari cambiamenti economici, sociali, politici, ideologici e culturali. Il modello schiavo viene sostituito dal feudalesimo, compaiono le proprietà dell'epoca e scompare la cittadinanza romana, scompare il centralismo del sistema romano e il teocentrismo cristiano e musulmano al centro della scena.

fine

Il culmine del Medioevo, fu segnato dalla caduta dell'Impero bizantino con la cattura di Costantinopoli da parte dei turchi e l'invenzione della macchina da stampa, lasciando il posto all'inizio dell'età moderna.

Le calamità naturali, come le inondazioni e la scarsa presenza della luce solare, hanno influenzato le colture. Successivamente, la carestia oscurò il continente, e in seguito la peste nera e grandi conflitti come la guerra dei cento anni, segnarono la fine della lunga era, lasciando il posto al Rinascimento.

soprannomi

Durante il Medioevo, era comune aggiungere alcune caratteristiche predominanti ai nomi della persona che lo indossava, sia esso positivo o negativo. Questo era comune concederlo ai re, ai conteggi e agli imperatori.

Alcuni dei più importanti erano i seguenti:

  • Giustiniano II (669-711): imperatore bizantino. Era noto come "Cut Nose", a causa della sua tirannia, il suo naso era mutilato.
  • Pipino III (714-768): Re dei Franchi. Chiamato "Pipino el Breve" per la sua bassa statura (1, 37 cm).
  • Costantino V (718-755): imperatore bizantino. Chiamato "Copronym", perché quando fu battezzato, defecò nel carattere battesimale.
  • Edgar I (943-975): re inglese. Lo soprannominarono "Il Pacifico", ma in questo caso, era un soprannome incongruo e ironico, poiché era un re crudele e violento.
  • Ramiro II (1086-1157): re d'Aragona. Conosciuto come "The Monk", soprannominato in quel modo perché viveva in un monastero da bambino ed era un vescovo quando salì al trono.
  • Alfonso II (759-842): re delle Asturie. Chiamato "El Casto", presumibilmente perché non c'erano deliri d'amore extraconiugali.
  • Enrique IV (1425-1474): re di Castiglia. Conosciuto come "The Impotent", perché soffriva di impotenza sessuale e diversi detrattori alludevano alla sua presunta incapacità di governare.
  • Felipe V (1683-1746): re di Spagna. Soprannominato "El Animoso", soprannome che gli è stato dato per i suoi sbalzi d'umore e episodi folli.

Modello politico predominante

Medioevo

Il feudalesimo era presente e stabilito come il sistema politico predominante nella linea temporale del Medioevo. I signori feudali sarebbero quelli che ricoprivano una posizione privilegiata, come nel caso della regalità, della nobiltà e del clero, poiché amministravano le terre. D'altra parte, i vassalli sono quelli che erano sotto l'autorità assoluta dei signori feudali e che erano a loro disposizione in cambio di protezione, ottenimento di servizi e dovevano rendere omaggio ai loro signori.

Questo modello lasciò il posto a un sistema in cui era consentita la cooperazione tra reali e nobili, con la quale vi era una nuova distribuzione di ricchezza e potere . Per questo, c'era una subordinazione dei nobili e del clero contro la monarchia.

D'altra parte, l'impero bizantino, la parte orientale dell'Impero romano, continuò ad esistere per tutto il Medioevo fino all'arrivo del Rinascimento. Ciò nasce quando l'imperatore Teodosio I il Grande (347-395), divise l'Impero romano in due in 395, a causa del costo di mantenere sicuri i suoi confini. La capitale di questo impero fu trasferita a Costantinopoli e la sua posizione tra la Marmara e il Mar Nero favorì il commercio, quindi fu favorito il restauro della città.

L'ascesa dell'impero ebbe luogo durante il governo dell'imperatore Giustiniano, che cercò di riconquistare gli spazi che l'impero romano aveva perso con la caduta di quello occidentale. Molte invasioni che cercavano di recuperare territori perduti, rappresentavano un prezzo elevato per l'impero, motivo per cui cadde in una grave depressione economica con la quale fu implementata la riscossione delle tasse alla popolazione.

Il papato segnò anche la presenza durante questo periodo come una realtà politica. La sua origine è nata dalla necessità di un'organizzazione per i seguaci di Cristo .

Esistevano gruppi cristiani dentro e fuori Roma, ma presto imposero la loro posizione di sede ecclesiastica della capitale dell'Impero romano ed emerse la figura papale.

La sede romana ebbe un periodo di declino, chiamato " Età del ferro " o "Secolo oscuro", questa volta fu caratterizzato dal dominio assoluto di due famiglie romane - la Teodora e la Marozia - e il potere che esercitarono sugli aspetti ecclesiastici e politici di Roma.

In parte del periodo medievale, i papi furono ridotti alle loro funzioni esclusivamente religiose, e di fronte all'aggressività della presenza imperiale, la Santa Sede fu esposta all'anarchia del feudalesimo nel Medioevo, rimanendo in balia della nobiltà.

Classi sociali

Durante il Medioevo, c'erano tre grandi gruppi di classi predominanti, al di fuori della figura del re: la nobiltà, il clero e i contadini, quest'ultimo essendo l'unico gruppo non privilegiato.

1. La nobiltà: era composta principalmente da coloro che possedevano la terra . Questa classe sociale, a sua volta, era gerarchicamente suddivisa in magnati (marchesi, duchi e conteggi), proprietari delle grandi estensioni dei territori; i nobili (visconti e baroni), signori di terre minori; e i cavalieri (facevano parte della guardia personale), che avevano solo un cavallo, un'armatura e armi. I nobili difendevano i regni in tempo di guerra e, quando non c'erano conflitti, trascorrevano il loro tempo a caccia, a competere in tornei di spada e pesca.

2. Il clero: era il gruppo appartenente alla Chiesa cattolica e ortodossa, composto da sacerdoti, monaci, vescovi, abati e cardinali. La loro principale occupazione era la celebrazione di uffici religiosi, la predicazione, l'insegnamento e l'amministrazione dei sacramenti. Allo stesso modo, hanno svolto i rituali associati alla chiesa, come battesimi, cresime, matrimoni e cerimonie legati alla nascita e alla morte. La chiesa aveva come massima autorità la figura del vescovo di Roma o del papa.

3. I contadini o i servi: era il gruppo con la popolazione più numerosa. Questo gruppo era composto da artigiani, ricchi mercanti, ricchi agricoltori, artigianato liberale e soldati (gruppi medi); contadini con terra, artigiani e piccoli commercianti e funzionari (gruppi modesti); servi, braccianti, contadini senza terra e salariati di mestieri poveri (strati più poveri); e gli emarginati. Molti di loro furono sottoposti alla volontà dei loro padroni; tuttavia, erano lontani dagli schiavi tradizionali poiché erano riconosciuti nella loro condizione umana, potevano avere beni ed erano protetti dal loro "proprietario".

Credenze religiose

Medioevo

Durante questa fase, la chiesa cristiana occidentale ebbe un maggiore sviluppo nella sua struttura, poiché fu allora che gran parte dei suoi ordini e organizzazioni furono formati e successivamente fusi in quella che era l'istituzione ecclesiastica. Questa istituzione ha avuto una grande influenza a livello sociale, dal momento che erano responsabili del lavoro educativo e assistenziale per i più svantaggiati attraverso case di accoglienza, ospedali, elemosine, tra gli altri.

Anche nell'Europa medievale c'erano ebrei e musulmani . Il primo gruppo fu disperso in diverse città del continente e la sua attività principale era il commercio. Era un gruppo perseguitato per i suoi ideali e poco accettato. Il secondo, i musulmani, ebbe una grande occupazione e presenza, soprattutto in Spagna.

Tuttavia, la Chiesa cattolica raggiunse l'apice nel XII secolo, grazie alle sue riforme e alla crescita del fervore tra i gruppi più umili, per la speranza e la fede di ottenere una vita migliore attraverso i miracoli.

Nonostante la predominanza delle credenze cristiane nella popolazione, c'erano regioni in cui non riuscivano a raggiungere. Ciò portò alla conservazione delle credenze pagane prima del cristianesimo in queste aree rurali, che erano scarsamente connesse al mondo esterno, dove esoterismo, magia e superstizione inondarono i rituali e i dogmi di quel gruppo.

Le bestemmie furono punite con due potenti strumenti, molto caratteristici del Medioevo: la scomunica e l'Inquisizione. La scomunica era l'espulsione dalla chiesa del disobbediente, che non poteva ricevere i sacramenti, essendo al di fuori della legge divina; e l'ordine dell'Inquisizione, un tribunale incaricato di perseguitare le persone con dubbia fede e di ottenere informazioni, le hanno torturate e uccise.

Furono anche praticati pellegrinaggi, viaggi da parte dei fedeli, indipendentemente dalla loro classe sociale, verso diversi santuari, che potevano durare mesi o addirittura anni. Le ragioni del suo pellegrinaggio variavano dalle ragioni più spirituali (promesse, penitenze o purificazioni) alle più secolari (curiosità o interessi commerciali).

Si credeva inoltre che la seconda venuta di Cristo sarebbe avvenuta mille anni dopo la sua morte e che avrebbe regnato sulla Terra per mille anni prima del grande Giudizio Universale. Ciò diede origine a varie sette, in cui molti credenti del millenarismo (come viene chiamato questo particolare dogma), si spogliarono di tutte le loro cose al fine di rendersi "più degno" dell'arrivo di Gesù.

Si dice che esistesse ancora il Santo Graal, che era il calice da cui Gesù Cristo bevve durante l'Ultima Cena, ma non vi è mai stata una testimonianza storica della sua scoperta. Una setta di monaci francesi chiamati Albigesi, dichiarò di possederla e grazie a ciò, Filippo II, re di Francia, dichiarò guerra a loro per eresia sotto il consenso della chiesa.

Eventi principali

Medioevo

Riassumendo il Medioevo in termini di eventi eccezionali, abbiamo la caduta dell'Impero Romano d'Occidente, la comparsa del feudalesimo, la formazione e la presenza di ordini e monasteri religiosi, l'intolleranza della chiesa con detrattori e l'impero bizantino . Analogamente, si sono verificati altri eventi di grande impatto che hanno determinato le tendenze nel periodo.

La dichiarazione della Magna Carta fu uno dei momenti più importanti del Medioevo, poiché era considerata l'origine delle costituzioni del mondo.

L'impero carolingio, guidato da Carlo Magno (742-814), la cui politica fu gestita da lui e Pipino il Breve, cercò di recuperare la cultura classica negli aspetti politici, religiosi e culturali del Medioevo. Attraverso il Trattato di Verdun, l'Impero Carolingio fu diviso in tre, uno dei quali era il Sacro Romano Impero di Germania, guidato da Ottone I Il Grande, al fine di riuscire in qualche modo l'Impero Romano.

Un altro evento che ha sconvolto il continente è stata la Grande Carestia o carestia che si è verificata tra il 1315 e il 1322. Ciò ha causato la morte di milioni di persone, causando la fine del periodo di boom economico e di esplosione demografica durante l'XI secolo., XII e XIII. Morti per strada per malattie o persone morse da roditori infetti, erano immagini del Medioevo.

Ha avuto origine nel 1315, dove vi furono gravi perdite di raccolto da quell'anno fino al 1317, e fu solo nel 1322 che l'Europa fu in grado di alzare la testa di fronte a questa crisi. Durante questo periodo, i livelli di povertà, criminalità e persino cannibalismo e infanticidio sono aumentati. Questa tragedia ha scosso tutte le strutture della società medievale.

Alla fine del XVI secolo, la peste nera o la Bubónica fu uno degli episodi più oscuri e tristi del Medioevo. Questa malattia, i cui portatori erano pulci e pidocchi, era diffusa in tutto il territorio europeo da roditori presenti nelle città, nei campi e nelle città d'Europa.

Le crociate si distinguono anche come un evento importante: sono state spedizioni militari per scopi religiosi al fine di recuperare spazi con credenze cristiane da luoghi in cui vi era l'occupazione turca con idee islamiche. Vi furono otto grandi crociate, che durarono dagli anni 1095 al 1291. Si verificarono perché costituivano un'importante fonte di potere e ricchezza e perché l'occupazione in alcune aree da parte dei cristiani non era molto solida a causa della presenza di eserciti turchi.

Altri eventi che possono essere evidenziati sono il Grande Scisma (la divisione della chiesa per differenza di interessi, credenze e dottrine); la guerra dei cent'anni (dal 1337 al 1443, a causa della rivalità tra Francia e Inghilterra); e l'influenza che questa era ebbe sulla scienza, sulla cultura e sull'apprendimento moderni; tra gli altri.

Attività economiche

Il bestiame e l'agricoltura sono state una delle attività più sviluppate in questa era. L'agricoltura avanzò, poiché i terreni agricoli e le foreste erano le proprietà più preziose, con il contadino che era il principale motore di questa attività. Grazie al miglioramento del clima tra l'XI e il XIII secolo e ai progressi tecnologici come l'uso di aratri a griglia che sostituiscono quello in legno, si verificò l'espansione agraria.

L'artigianato e altri compiti caratteristici del Medioevo favorirono l'economia, poiché vennero realizzati oggetti di uso quotidiano come strumenti, utensili, abbigliamento, calzature e altri oggetti di lusso come gioielli, armi di metallo e abiti raffinati. Lo scambio con altre popolazioni ebbe luogo (importazione ed esportazione) e iniziò a commercializzare con altri regni. C'erano anche sarti, conciatori, fabbri, falegnami, vasai, macellai, fornai, tra molte attività.

Fin da piccoli i bambini venivano messi al lavoro. I ragazzi di otto anni potevano già essere pastori e dall'età di dieci anni potevano lavorare, mentre le ragazze potevano già essere domestiche dall'età di cinque anni.

Personaggi notevoli

Nei quasi mille anni di questa era, i personaggi più importanti furono:

  • Muhammad (570-632): il padre dell'Islam, dopo una rivelazione dell'arcangelo Gabriele, diffuse la parola di Allah.
  • Carlo Magno (742-814): re dei Franchi, fu il fondatore dell'Impero Carolingio.
  • Don Pelayo (685-737): primo monarca delle Asturie, fermò l'espansione musulmana a nord.
  • Urbano II (1042-1099): papa cattolico che lanciò le crociate per recuperare siti sacri in Palestina dalla mano dei musulmani.
  • Averroè (1126-1198): fece un'enciclopedia medica e i suoi scritti ebbero un impatto sul pensiero cristiano medievale.
  • Dante Alighieri (1265-1321): autore della Divina Commedia (importante opera letteraria nel Medioevo), espositore del passaggio dal pensiero medievale a quello rinascimentale.
  • Giovanna d'Arco (1412-1431): Militare decisivo per l'unione della Francia e il risultato della Guerra dei Cent'anni a favore della nazione.
  • Marco Polo (1254-1324): esploratore e avventuriero che raccontò scoperte durante i suoi viaggi nel mondo.
  • Innocenzo III (1161-1216): uno dei papi più potenti, che promosse il cristianesimo e mise il potere della chiesa al di sopra del potere dell'imperatore.
  • Alfonso X El Sabio (1221-1284): monarca spagnolo che lasciò poesie dal Medioevo, che diede inizio alla prosa castigliana.
  • Santo Tomás de Aquino (1224-1274): esponente della filosofia nel Medioevo, spiegò che la logica e i pensieri di Aristotele non contendevano la fede cattolica.
  • Francisco de Asís (1181-1226): fu uno dei primi santi ad essere martirizzato.
  • Isabel La Católica (1451-1504): Durante il suo regno la scoperta dell'America avvenne grazie alla fede che aveva per Cristoforo Colombo.

Fasi del Medioevo

Medioevo

Il Medioevo fu delimitato da tre fasi principali:

Alto Medioevo

L'Alto Medioevo segnò l'inizio di questa era, che va dal 5 ° al 11 ° secolo, in cui era evidente l'ascesa del feudalesimo sulla sovranità . L'Alto Medioevo era considerato uno stadio oscuro a causa dell'ignoranza esistente e del numero di guerre; in cui gli imperi bizantino, islamico e carolingio gareggiavano per la supremazia.

Medioevo pieno

L'intero Medioevo va dall'XI al XIII secolo, essendo considerato la transizione dall'Alto al Basso Medioevo. In questo periodo, il potere della sovranità è stabilito sui signori feudali ; l'agricoltura mostra una grande espansione, grazie ai progressi tecnologici nell'area, quindi ci sono stati miglioramenti negli alimenti, che hanno lasciato il posto ad altre aree economiche, come l'artigianato; allo stesso modo avvenne la rinascita delle grandi città e del commercio; tra gli altri eventi.

Gli storici ritengono che il Medioevo non esista, il che significa che l'era potrebbe essere divisa solo in Alto e Basso Medioevo. Tuttavia, altri autori usano il termine per delimitare meglio gli eventi in entrambi i periodi e comprendere l'evoluzione del Medioevo.

Basso Medioevo

Questa fase, tra il XIII e il XIV secolo, pose fine a questa era. Fu un periodo in cui sorse la borghesia ; viaggi di esplorazione nel mondo hanno avuto luogo; i regni furono rafforzati; la cultura e la religione mantennero la loro influenza (furono costruite università e grandi monumenti); e sorsero carestie, pestilenze e altre guerre.

Feudalesimo nel Medioevo

Questo era un sistema politico in cui c'erano due agenti principali: il signore feudale (proprietario e amministratore delle terre) e il vassallo (che si sottomise ai signori feudali in cambio di servizi e protezione). Il signore feudale era al comando grazie al potere conferitogli dal possesso del territorio, poiché rappresentava un bene prezioso e il vassallo era soggetto alle decisioni e alle ordinanze da essi stabilite.

Raccomandato

rabbino
2020
giudizio
2020
Natale carol
2020