Meccanica di Newton

Meccanica newtoniana o anche chiamata meccanica newtoniana o meccanica classica. Il suo promotore, il britannico Isaac Newton, gettò le basi per gli studi moderni della meccanica classica fino al radicale ripensamento che la teoria della relatività supponeva. Iniziamo definendo la meccanica come la scienza che studia l'azione delle forze sui corpi e il comportamento dei sistemi materiali incorporati nei campi di tali forze.

Meccanica di Newton

Gli scopi della cosiddetta meccanica classica o newtoniana, dalle espressioni matematiche e dal ragionamento secondo i postulati fisici della teoria, per spiegare e prevedere il comportamento dei corpi soggetti a interazioni con altri corpi, esclusi i fenomeni di tipo elettrico o magnetico, nonché considerazioni sulla struttura atomica o nozioni relative alla teoria quantistica. Lo studio della meccanica classica cerca di conoscere non solo lo stato del sistema considerato, ma anche quello dell'ambiente fisico circostante.

Alcune interpretazioni sorsero nel 20 ° secolo e diedero origine alla suddivisione della meccanica classica o newtoniana, che limitava i suoi postulati e conclusioni ai soliti sistemi terrestri in condizioni non estreme, un altro quanto incorpora il formalismo quantico adattato alle nuove concezioni di la fisica atomica e nucleare e la terza è relativistica, che corrisponde alla generalizzazione della meccanica newtoniana per condizioni di energie estremamente elevate e velocità vicine a quella della luce.La meccanica classica ha una divisione in diverse discipline subordinate, come: Lo statico: che è responsabile dello studio dei sistemi fisici in equilibrio; cinematica : che studia l'analisi dei movimenti osservati in particelle e sistemi, indipendentemente dalla causa che lo provoca, e infine la dinamica che indaga l'origine dei movimenti e le variazioni di stato nei sistemi materiali .

Raccomandato

Indización
2020
Piccole imprese
2020
grafologia
2020