luddista

Una serie di proteste degli artigiani inglesi contro l'implementazione di macchine e lavoratori inesperti che controllano la produzione di beni di base del diciannovesimo secolo si chiama "Luddismo". Questi avvennero nel quadro della Rivoluzione industriale e il suo modus operandi fu la distruzione delle macchine utilizzate nella fabbricazione di tessuti o fibre. Il motivo, secondo diversi storici, è l'elevato livello di disoccupazione che ciò ha portato alla comunità artigiana, poiché gli individui incaricati del controllo dei macchinari hanno richiesto salari molto più bassi e, in generale, il processo è stato molto più redditizio.

luddista

I seguaci di questo movimento furono chiamati "Ludditi" perché il loro presunto predecessore, un artigiano inglese di nome Ned Ludd, attaccò due macchine a telaio. Questo incidente, con il passare del tempo, portò alla leggenda di re Ludd, un personaggio immaginario, con un tono di giustizia pronunciato, che fu preso come il principale rappresentante dei Ludditi. Ciò, tuttavia, insieme ad altri movimenti scontenti in Gran Bretagna, rifletteva le dure condizioni di lavoro affrontate dai lavoratori inglesi dell'epoca, che soffrirono le difficoltà delle guerre napoleoniche, oltre al grave clima economico di quel periodo.

Attualmente, è stato adottato il termine "neoludismo", in opposizione allo sviluppo di nuove tecnologie minacciose e, soprattutto, al consumismo, caratterizzato dal considerarsi un movimento "senza leader". Allo stesso modo, si parla di un errore luddista, in cui è condannato: “portando un'innovazione tecnologica, questo ridurrà gli input di lavoro, necessari per qualsiasi settore produttivo, che degenererà in cali di costi, per richiedere finalmente molti più lavoratori ”.

Raccomandato

postlaurea
2020
Radici di un polinomio
2020
E-book
2020