litolatria

Etimologicamente questo termine deriva dall'ebraico "Beth-El" che significa "memoria degli dei", quindi questa parola è usata per riferirsi a una pietra o roccia sacra. Nella civiltà semitica viene usato per nominare le particelle di meteorite che caddero sulla terra, in modo che qualsiasi roccia sollevata simboleggiasse la presenza della divinità e la posizione di un luogo sacro. Alcuni dei betylos più famosi sono: Il greco Omphalos a Delfi, una specie di pietra che secondo la mitologia greca il dio Cronos deglutì pensando che fosse suo figlio Zeus. La pietra nera di Pessinonte, legata al culto della dea Cibele e la pietra nera della Kaaba situata alla Mecca.

litolatria

All'inizio, gli uomini consideravano le pietre come simboli di immortalità, energia, forza, che venivano venerati e venerati per la loro origine, forma o dimensione. Per loro questo tipo di pietre aveva un'origine magica e religiosa. Un betile era una pietra senza intaglio o scultura, che in molte occasioni cadde dall'universo e venerò come simbolo di una forza spirituale. A Betilos furono attribuiti poteri simili agli amuleti magici che servivano da protezione per viaggiatori e navigatori, si dice che li proteggesse da tempeste e fulmini. Quando un viaggiatore si imbatté in una di queste pietre, significava che era alla presenza della dea Pachamama (madre terra), una dea venerata dagli Incas, che si strofinavano con le mani e, secondo la credenza, depositavano tutta la loro fatica e riguadagnavano le forze per continua il tuo viaggio.

Gli Iberos usarono anche le pietre sacre che avevano epitaffi magici che proteggevano il defunto dai ladri di tombe, e furono anche usate per mantenere i contatti con quei parenti che non sono più in questo mondo. Secondo la Bibbia, Jacob riesce a riempirsi di ispirazione spirituale dopo aver riposato la testa mentre dormiva sulla pietra, una volta che si svegliò sapeva che la pietra era un portale sacro che lo collegava a Dio.

La forza spirituale trasmessa dalla pietra di betile è una via verso l'apertura di una finestra destinata a un piano spirituale superiore o una connessione spirituale con Dio. Un esempio di questo è citato nella Bibbia quando Dio chiama Simone "Pietro", Pietro significa pietra, e non solo una pietra, ma come la pietra bethyl o "vivente" su cui è eretta la chiesa santa.

Raccomandato

Taekwondo
2020
Frontiera economica
2020
Prosaico
2020