libertà

La parola libertà deriva dal latino libertas, libertatis (franchezza, permesso); è facoltà naturale dell'uomo agire a volontà senza restrizioni, rispettando la propria coscienza e il proprio dovere di essere, per raggiungere la sua piena realizzazione. È la possibilità che dobbiamo decidere da soli come agire nelle diverse situazioni che si presentano nella vita. Chi è libero sceglie tra alcune opzioni quelle che gli sembrano migliori o più convenienti, sia per il suo benessere che per quello degli altri, o della società in generale.

libertà

Cos'è la libertà?

La definizione di libertà indica che è la capacità della coscienza di agire e pensare secondo la volontà dell'individuo . Allo stesso modo, un altro significato di ciò che significa il termine è quello che lo definisce come una condizione in cui una persona non è in cattività o prigioniera, cioè non è soggetta ad altre persone.

Un altro concetto di questa parola è quello che indica il potere che le persone di un certo stato hanno, di agire secondo la loro volontà e ai margini della legge.

D'altra parte, ciò che rappresenta è anche collegato a concetti come la franchezza e la fiducia, specialmente nella sua forma plurale il cui significato è "audace familiarità".

È semplicemente un valore abbastanza ampio, che è incluso nei cosiddetti valori della società, dei valori religiosi, democratici e umani. Per questo motivo, la libertà viene studiata e analizzata da diversi rami della scienza, come etica, religione, filosofia, morale, ecc.

La libertà di un individuo, così come la sua conservazione, il suo sostegno e i suoi limiti sono di grande importanza, per questo motivo è inclusa nei diritti umani, che sono inalienabili e colpiti solo quando viene attaccata l'autonomia di un'altra persona.

Questo valore deve essere esercitato dall'individuo, ciascuno con responsabilità e rispetto morale. Dovrebbe essere chiarito che non si tratta solo di compiere azioni senza che le conseguenze siano importanti, poiché al contrario si riferisce al saper usare le abilità che ogni persona ha.

Origine etimologica

Il concetto di questo termine ha la sua origine etimologica nel sumero, in particolare dalla parola " Ama-gi ". Secondo gli esperti, questa era la prima forma scritta che l'uomo rappresentava il significato della libertà. Questa parola, quando tradotta, significa letteralmente "tornare alla madre", tuttavia le ragioni di ciò sono ancora sconosciute.

In lingua spagnola questa parola deriva dal termine latino " libertas " il cui significato in quella lingua è "lo stesso". D'altra parte, in inglese, la parola libertà è "libertà" che ha origine da una lingua indoeuropea dove significa "amare", una parola che deriva dalla stessa lingua per dire paura, "paura" la cui origine è simile, usata come antonimo libertà quando si usa il prefisso "a", grazie alle influenze della lingua latina comune.

Libertà nella società

Oggi si può dire che le persone vivono liberamente per due fatti che sono molto comuni oggi, prima di tutto va menzionato che nei paesi democratici, i cittadini hanno il diritto di scegliere chi saranno i loro governanti, a parte questo godere di altri diritti umani, che sono considerati fondamentali e devono essere protetti in tutti i paesi, alcuni esempi possono essere la libertà di espressione, il diritto a un processo equo, il diritto alla vita, ecc.

Un altro argomento è il fatto che alle persone è permesso credere e pensare liberamente, e oggi questo può essere visto molto di più, poiché con l'arrivo di Internet e con esso i social network, è molto più facile echeggiare di qualsiasi evento che accade nel mondo.

Ad esempio, la politica, la corruzione, le ingiustizie che si verificano ovunque e che consentono ai cittadini di esprimersi al riguardo, a favore o contro di esso, se lo ritengono opportuno, dimostrando così la libertà di espressione.

Allo stesso modo, un altro esempio di ciò è la possibilità di scegliere determinate cose, come gli abiti che indossi, il posto in cui vuoi andare, ecc.

Libertà in politica

libertà

È un diritto, ma allo stesso tempo è un'abilità e una capacità che i cittadini hanno di libera espressione e determinazione della loro volontà, facendo riferimento al tipo di ordine sociale che desiderano nel loro ambiente.

Secondo il liberalismo, la definizione di libertà politica è la capacità che consente di compiere azioni senza restrizioni del governo, tuttavia il socialismo lo spiega come la capacità che offre allo Stato l'accesso a determinate risorse senza limiti sociali.

Tipi di libertà

Libertà di espressione

Può essere definito come un diritto fondamentale che gli esseri umani possiedono, ciò consiste nella capacità di diffondere liberamente idee, informazioni e così via, attraverso diversi media. In alcune occasioni questa capacità può essere condizionata da alcuni elementi, come le leggi che vietano la diffusione di alcuni contenuti in alcuni contesti.

Un esempio di ciò che deve avere la libera espressione è l'esistenza di diversi contenuti audiovisivi che vengono trasmessi da compagnie televisive, tali contenuti vengono trasmessi all'interno del cosiddetto programma per bambini. Va aggiunto che in alcuni paesi il fatto che i contenuti relativi all'incitamento all'odio o alla violenza siano trasmessi durante tali ore è sanzionato dalla legge.

Tuttavia, ci sono luoghi in cui la diffusione dei contenuti è completamente controllata, di solito è caratteristica dei paesi non democratici.

La libertà di espressione è inclusa nella Dichiarazione universale dei diritti umani, in particolare nell'articolo 19, allo stesso modo è importante ricordare che la libertà di stampa e stampa sono anche uno dei modi per esprimersi liberamente.

Libertà di associazione

libertà

La definizione di libertà di associazione o anche conosciuta come il diritto di associazione, è un diritto umano che implica il potere di creare associazioni, gruppi, organizzazioni e altri, al fine di raggiungere un obiettivo legittimo, anche con libera scelta essere in grado di dissociarsi da loro. Questo diritto presuppone che i membri abbiano la libertà di formare gruppi, permanenti o meno, entità giuridiche, ecc., Che mirano a raggiungere un obiettivo già definito.

La libertà di associazione come quella del diritto di riunione è considerata un diritto umano di prima generazione, tuttavia vi sono coloro che contestano tale affermazione.

Libertà di movimento

La libertà di movimento o la libertà di movimento è nota come il diritto di ciascun individuo di muoversi liberamente, all'interno di un determinato paese o tra paesi.

La libertà di circolazione è parzialmente inclusa nella dichiarazione dei diritti umani, in particolare nell'articolo 13, in cui è indicato che un cittadino di qualsiasi paese è libero di spostarsi e stabilirsi in qualsiasi paese in cui la persona possa È gradito, ma sempre nel quadro del rispetto della libertà e dei diritti delle altre persone, nonché della libertà di lasciare quel luogo e tornare quando lo si desidera.

Va notato che questo articolo non include il diritto di qualsiasi individuo di entrare liberamente in un paese diverso dal proprio, il che significa che il diritto di trasferirsi o il diritto di immigrare collettivamente o individualmente non è protetto. .

Libertà di culto

La libertà di culto è intesa come il criterio e la capacità di ogni persona di scegliere ed essere parte di qualsiasi pratica religiosa, incluso il fatto di non credere in nulla, senza essere marchiato come mancanza di rispetto o come criminale.

Allo stesso modo, questo è incorporato nella dichiarazione dei diritti umani, nell'articolo 18, ma nonostante ciò, ogni paese ha una legislazione che stabilisce come esprimersi o quali sono i limiti di cui espressione.

La libertà di religione oltre a quanto sopra menzionato, è anche riconosciuta nel diritto internazionale attraverso diversi documenti, uno dei quali è il Patto internazionale.

Diritti civili e politici, in particolare nell'articolo 27, in cui è garantito che i seguaci delle religioni minoritarie hanno il diritto di praticare liberamente la propria religione.

Allo stesso modo, è anche stabilito nella Convenzione sui diritti umani del bambino, nell'articolo 14 e infine nell'articolo 9 della Convenzione europea sui diritti umani.

Storia della libertà

libertà

Per capire il termine, devi conoscere la sua storia . Precedentemente la schiavitù era considerata un'istituzione che dovrebbe firmare parte della società. Durante il Medioevo, ci sono chiare dimostrazioni di come gruppi organizzati di persone avessero l'autorità di chiedere alcuni privilegi ai più potenti, come la Magna Carta, che fu imposta durante il 18 ° secolo in Dall'Inghilterra a Re Juan senza terra, da una serie di Barines di quella regione. Tale documento ha un valore importante rispetto a ciò a cui si riferisce la libertà delle persone.

Già durante gli ultimi tempi del Medioevo, è emerso l'approccio alla rinascita della libertà di coscienza e della libertà intellettuale, ponendo varie sfide alle leggi già stabilite della Chiesa cattolica.

Quindi, durante la Riforma protestante, sono emerse idee che hanno preso in considerazione queste libertà. Allo stesso modo, le rivoluzioni più importanti hanno contribuito alla libertà individuale, assicurandone l'attuazione.

Già nel 17 ° secolo, la cosiddetta Rivoluzione Gloriosa pose fine a centinaia di anni di lotte per imporre restrizioni ai grandi monarchi inglesi, il cosiddetto Bill of Right, che fu approvato nel 1689 dal Parlamento, fu accompagnato da un governo tipo rappresentativo in Inghilterra.

Quindi nella guerra di indipendenza degli Stati Uniti, che fu combattuta tra gli anni 1775 e 1783, fonde sia il problema della libertà, con il problema della libertà della nazione dal giogo degli inglesi, quest'ultimo un argomento a sé stante dell'emergere di una nuova nazione.

La dichiarazione di indipendenza supponeva la libertà contro gli inglesi, e la Magna Carta degli Stati Uniti, che per inciso nei suoi primi dieci emendamenti, contiene i diritti civili elencati, come il Bill of Right, supponeva il primo entrare in una catena di successioni di costituzioni nazionali.

Infine, la rivoluzione francese dell'anno 1789 significò la fine del sistema feudale in quel paese, stabilendo un tipo rappresentativo di sistema governativo, simile a quello istituito in Inghilterra.

Durante l'illustrazione, considerata come l'ispirazione della Rivoluzione francese, ha definito la libertà come un diritto con cui è nato, che gli consente di agire senza limiti di alcun tipo, tutto ciò stabilendo la necessità di creare limiti per libertà, in modo che possano stabilire la propria organizzazione sociale.

Una volta che la teoria divina del potere reale è stata lasciata alle spalle, nuove teorie focalizzano il potere sul popolo, affermando che le tirannie si sono formate quando tale provenienza è stata ignorata e i diritti individuali sono stati violati.

Allo stesso modo, è importante sottolineare che la libertà e il suo simbolismo sono serviti da ispirazione per l'uomo in diverse aree, un esempio di ciò è l'arte, in cui diverse opere sono state nominate come la rappresentazione di questo valore, un chiaro esempio di ciò. È la famosa statua della libertà, il cui nome è Liberty Enlightening the World, che tradotto in spagnolo significa "Liberty che illumina il mondo".

La Statua della Libertà fu costruita nel 1886 ed era un dono del governo francese al governo degli Stati Uniti, in commemorazione della dichiarazione di indipendenza.

Raccomandato

Boemia
2020
Momento angolare
2020
antivirus
2020