lapidazione

È un metodo di esecuzione utilizzato nell'antichità, che consisteva nell'omicidio di una persona attraverso la lapidazione di coloro che hanno partecipato al processo o all'atto di esecuzione, secondo gli esperti questa forma di morte è avvenuta molto lentamente, che ha generato grande sofferenza per il condannato, motivo per cui nel corso degli anni e con l'arrivo dei diritti umani, la lapidazione è stata esclusa come una forma di esecuzione. Tuttavia, ci sono attualmente paesi in cui questa forma di esecuzione è ancora consentita.

lapidazione

L'origine di questa forma violenta di esecuzione risale al vecchio testamento, dove è scritto che il profeta Mosè aveva detto che Dio raccomandava di lapidare come un modo per punire le persone che bestemmiano contro di lui e per quelle donne che non lo fecero le vergini arrivarono al matrimonio, mentre nel nuovo testamento secondo lui il vangelo dell'apostolo Giovanni descrive come Gesù salvò una prostituta dalla lapidazione a morte. Nell'Islam questa pratica è stata introdotta al tempo del califfo Omar, il quale sosteneva che il versetto che descriveva la pioggia di pietre come un modo per punire gli adulteri esisteva ancora nel Corano, un tale verso non esiste, quindi questa forma di la punizione ha così pochi seguaci.

Nei paesi dell'Asia, del Medio Oriente e dell'Africa, la lapidazione è ancora praticata come punizione per quelle persone adultere, generalmente l'atto viene compiuto in luoghi pubblici, la vittima viene seppellita al collo o, in mancanza, viene legata per immobilizzare, anche il suo volto è coperto in modo da evitare di osservare gli effetti causati dal lancio delle pietre, che sono dirette agli accusati da una folla che lo circonda.

Alcuni dei casi più recenti noti sono la lapidazione di Aisha Ibrahim Duhulow, una ragazza di 13 anni in Somalia, è stata accusata di adulterio, tuttavia fonti indicano che aveva riferito che era stato un caso di lo stupro, questo è stato lapidato da 50 uomini e dopo che il suo corpo è stato scoperto, è stato scoperto che era ancora viva, quindi è stata sepolta di nuovo per continuare l'esecuzione. Un altro caso si è verificato in Sudan, dove il ventisettenne Intisar Sharif Abdallah è stato accusato di adulterio, il processo è stato condotto in lingua araba, una lingua che non parlava e gli è stato negato il diritto a un avvocato, tuttavia con l'aiuto di Amnesty Internazionale la giovane donna fu liberata.

Raccomandato

bioma
2020
tossicologia
2020
Nabo
2020