Ius Soli

Ius Soli, dal latino significa: «Diritto alla terra» a ciò che potrebbe essere interpretato come il diritto di essere in un determinato luogo. A differenza dello Ius Sanguini, lo Ius Soli consente l'integrazione degli immigrati in un determinato paese, possono sviluppare una vita normale come qualsiasi altro essere straniero . Questa espressione legale è comunemente usata per i sistemi legali di vari paesi per concedere la nazionalità a una persona o individuo a causa del fatto che sono nati in quel territorio o giurisdizione specifica, indipendentemente dalla cittadinanza, nazionalità o stato di immigrazione dei genitori.

Ius Soli

In generale, si potrebbe dire che lo ius soli è un principio che i paesi che di solito e storicamente sono destinatari di migranti adottano e promuovono, al fine di integrare o incorporare gli stranieri, e in alcuni casi aumentare la popolazione di quel paese. Queste nazioni che approvano questo principio e adottano questo diritto sono caratterizzate da stati democratici, di libero pensiero e che quasi sempre con scarso o nullo pregiudizio razziale.

D'altra parte, le nazioni che sostengono lo ius sanguinis come principio o criterio esclusivo per quelle persone da nazionalizzare sono caratterizzate dal completo rifiuto dello straniero e cercano in tutti i modi di mantenere la presunta purezza della razza, prevenendo in ogni modo possibile che le persone estraneo a detta nazione o territorio, diventare parte di una determinata comunità.

L'articolo 15 della Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo sancisce il diritto universale a una nazionalità; ad esempio in Europa si applica lo ius soli, oltre al Regno Unito e alla Francia, da parte sua la Spagna lo applica solo in via eccezionale; Gli altri paesi europei sostengono più di tutti i jus sanguinis. Nei paesi dell'America Latina che favoriscono l'integrazione degli immigrati nei loro territori, applicano ius soli, così come gli Stati Uniti e il Canada.

Raccomandato

bioma
2020
tossicologia
2020
Nabo
2020