INRI

INRI è l'acronimo della frase latina "IESVS NAZARENVS REX IVDAEORVM", che tradotto in spagnolo, sarebbe "Gesù di Nazaret, re dei Giudei". Riguarda le iniziali scritte sulla croce su cui Gesù Cristo, la principale figura religiosa mistica della religione cristiana, giaceva al momento della sua morte . Secondo la tradizione cattolica, questi furono imposti per ordine di Ponzio Pilato, su una tavoletta di legno, sulla testa del cosiddetto Messia. In generale, il titulus è sempre incluso nelle varie rappresentazioni della crocifissione (i ben noti crocifissi), che sono emulazioni delle immagini più importanti della vita cattolica.

INRI

Questo, poiché il latino era la lingua ufficiale della regione e vi era scritto, ha sofferto delle numerose traduzioni fatte nella Bibbia sin dalla sua prima esistenza, così che nei vari Vangeli può passare da "Re di gli ebrei "a" Questo è Gesù, re dei giudei " . Tuttavia, si basa sulla prima versione data (Gesù di Nazaret, re dei giudei), da cui nasce l'acronimo popolare. Questo titolo non era esclusivo di Gesù Cristo, dal momento che era una pratica abbastanza comune nelle crocifissioni romane, in cui erano indicati sul capo dell'esecutivo il nome, l'indirizzo e il crimine commessi; Dal momento che c'era una scrittura gratuita, la beffa o il ridicolo era permesso.

L'interpretazione fornita dalle società esoteriche è legata al paganesimo. Questi affermano che INRI può essere sia Igne Natvra Renovatvr Integra (Con il fuoco la natura è completamente rinnovata), sia In Necis Renacere Integer (Nella morte rinato intatto e puro).

Raccomandato

valore
2020
Assassino seriale
2020
monopolio
2020