Impero Inca

L'Impero Inca era un insieme di popolazioni che si stabilirono nel continente sudamericano con il dominio più esteso della storia dell'America precolombiana. D'altra parte, il territorio in cui fu stabilita questa civiltà è noto come Tahuantinsuyo, mentre il periodo per il quale il suo dominio rimase in vigore fu chiamato inca. Il territorio inca copriva oltre 2 milioni di chilometri quadrati distribuiti tra l'Oceano Pacifico e la giungla amazzonica, dalle aree adiacenti di Pasto nel nord della regione al fiume Maule nel sud del continente. Gli Incas furono caratterizzati dall'essere conquistatori, riuscendo a conquistare i suddetti territori.

Impero Inca

Secondo vari reperti rinvenuti negli scavi archeologici, l'Impero Inca iniziò intorno al 1200 d.C. Tuttavia, a Cuzco fu istituito solo un dominio misto, infatti non vi sono dati sui monarchi in vigore fino all'anno 1438 Tra il 1438 e il 1471 è stato reso noto il primo individuo Inca, che si chiamava Pachacútec che aveva un grande impero secondo gli esperti e i risultati dei vari scavi, oltre a dividerlo amministrativamente, per facilitare la governance.

Nel 1471 Tupac Yupanqui, un monarca che diede grandi contributi nel campo militare, occupò il trono, espandendo l'Impero a sud e stabilendo il confine dell'Impero sul fiume Maule.

Nell'anno 1493, Huayna Cápac salì al trono, che fu costretto ad affrontare una serie di insurrezioni da parte dei popoli soggetti che facevano parte dell'Impero. In generale, questo tipo di rivolta avveniva ogni volta che un Inca moriva, poiché i nemici lo consideravano il momento più debole dell'Impero. In questo modo, i Chachapoyas dovevano essere affrontati, potendo così annettere il Golfo di Guayaquil, il che consentì di fare strada fino a raggiungere le rive del fiume Ancasmayo in Colombia, dove sarebbe stato stabilito il confine.

Raccomandato

Legge generale dei gas ideali
2020
I cieli
2020
menta
2020