Hamsa

Il termine Hamsa è di origine araba e il suo significato è "cinque", riferendosi alle 5 dita della mano. Questo è presente in varie dottrine orientali, come l' ebraismo, l' Islam e il buddismo, ognuno con il suo significato. L'hamsa è anche noto come "la mano di Miriam" soprattutto nella cultura ebraica e come "mano di Fatima" dai musulmani, mentre nel buddismo è chiamato "Abhaya Mudra". Generalmente questo simbolo viene utilizzato nell'industria dei gioielli e degli arazzi. Il suo simbolismo è protezione ed è comunemente usato come difesa contro il malocchio, principalmente da ebrei, cristiani e musulmani.

Hamsa

L'hamsa in quanto tale è adottato come amuleto per la protezione del malocchio o di qualsiasi sventura. Il simbolo della "mano di hamsa" è caratterizzato dalla rappresentazione del disegno di una mano destra simmetrica con cinque dita: il dito medio al centro, ai lati dell'anello e l'indice, un po ' più corto del cuore e uguali tra loro, e infine alle estremità due pollici, di dimensioni simili ed entrambi hanno una curvatura verso l'esterno della mano.

All'interno dell'hamsa, è possibile trovare altri simboli come occhi, stelle di David, pesci e altri allo scopo di rafforzare il suo potere, va notato che ha un gran numero di rappresentazioni. Un esempio di ciò è quando è rappresentato con le dita insieme. Per le persone l'hamsa è un amuleto che serve buona fortuna, nel caso in cui le dita siano separate viene utilizzato per scongiurare le energie negative.

Come amuleto, l'hamsa fu indossato dai Cartaginesi dall'820 a.C. e mentre la regione settentrionale del continente africano era associata ad un attributo della dea Tanit; successivamente passò ai Berberi e al Maghreb.

Dopo tali eventi, le culture ebraica e araba lo adottarono come un motivo indipendente. Si ritiene che sia stato incorporato in queste culture come evocazione del motivo noto come la mano di Dio, la cui origine è legata all'aniconismo.

Raccomandato

Comprensione scritta
2020
Scrittura glifica
2020
Mural
2020