groundswell

Il moto ondoso è il movimento marittimo indotto dal vento che lo contatta direttamente, questo genera un olare con un'altezza da 1, 5 a 2, 5 metri. Questi movimenti dell'acqua per attrito del vento sulla superficie del mare hanno un ritmo costante di circa 20 secondi, l'influenza del vento può diffondersi fino a 200 metri verso il fondo del mare, poiché la propagazione della forza del vento è nella forma di onda questo sta perdendo intensità quanto più è lontano dal flusso d'aria principale.

groundswell

Molte persone tendono a confondere lo tsunami con un'ondata di tempesta, entrambi sono termini diversi poiché uno tsunami in quanto tale presenta una coniugazione opposta all'ondata di tempesta, nello sviluppo di questo fenomeno marittimo l' improvviso movimento del corpo idrico deriva dalla profondità che essendo un corrente così forte che continua il movimento verso la superficie, generando onde di dimensioni immense superiori a 5 o 6 metri.

Il nome della tempesta in termini scientifici è "tempesta" e, come detto, è la spinta del vento in modo che l'acqua raggiunga livelli più alti del mare; Questo non è solo un prodotto del movimento dell'aria, a tal fine si combina l'esistenza di una bassa pressione, che sarebbe una spinta minore per generare l'impennata della tempesta, è importante notare che ciò si verifica solo in acque poco profonde, che è un'altra differenza rispetto allo tsunami.

Quando c'è una coniugazione tra il picco e l'alta marea, si ottengono onde grandi e imprevedibili, questo perché l'acqua viene gestita tra il vento e la marea; Spesso non si osservano picchi di tempesta pericolosi, che si verificano quando esistono fenomeni tropicali e quando si sviluppano tempeste non molto potenti. Alcuni esempi di ondate significative sono: Mahina nel 1899 che produsse un aumento fino a 13 nel livello del mare australiano, l'uragano Katrina nel 2005 che devastò la popolazione di San Luis nel Mississippi (Stati Uniti) e nel 1970 Bohla è stata l'ondata di tempesta che ha causato molte vite nel Bengala.

Raccomandato

antropico
2020
continente
2020
amusia
2020