giustizia

La giustizia è un precetto che ha iniziato ad essere usato anni prima di Cristo, per manifestare equità davanti a un tribunale e un carnefice che ha pronunciato le frasi indipendentemente dal fatto che fossero o meno corrette. In particolare, si può garantire che l'imparzialità sia una volontà costante e perpetua di dare a ciascuno il dovuto . Questa idea molto generica ha senso in due tipi di giustizia, commutativa e distributiva,

giustizia

Cos'è la giustizia

La definizione di giustizia è legata ai valori che sono inculcati nella società, che cercano un bene comune per tutti i cittadini. Non è una legge che può regolare il comportamento dei soggetti in tutto il pianeta, ma un precetto che parte dalla premessa di garantire a tutti ciò che meritano veramente in base ai loro atti e comportamenti . L'imparzialità è anche conosciuta come equità, fa parte della legge ed è rappresentata dalla dea della giustizia.

La cosiddetta giustizia commutativa si basa su un principio di reciprocità e richiede un equivalente proporzionale da considerare. d'altra parte, quello distributivo, che si riferisce alla solidarietà e all'uguaglianza tra tutti gli esseri umani, ciò che è giusto, ciò che è per tutti e che deve essere distribuito come tale per conformarsi a questo principio.

Per gli studenti di giurisprudenza, è normale pensare al tribunale quando si parla del termine, perché è lì, in particolare nella Corte suprema di giustizia, dove vengono prese decisioni che possono cambiare la vita dei cittadini (in meglio o per il male, tutto secondo le loro azioni). Riguarda la difesa e la giustizia, l'esercizio dei diritti fondamentali e la verifica dell'innocenza o della colpa dei soggetti. Come esempi di giustizia, ci sono le sentenze emesse dai tribunali nazionali, le leggi, ecc.

Nel concetto di giustizia, parliamo di un insieme o gruppo di criteri che stabiliscono un certo tipo di trattamento da applicare sia alle persone che alle istituzioni . Queste linee guida possono contenere divieti e autorizzazioni nella società. Ad esempio, se una persona si comporta male o in modo negativo, un modo per essere onesti è eseguire una punizione . I soggetti rimproverati, in un modo o nell'altro, comprendono che esistono comportamenti stabiliti e che devono essere seguiti. Il significato della giustizia comprende molti elementi e tutti saranno spiegati in questo post.

L'origine della giustizia

giustizia

Il concetto di giustizia parte da premesse diverse, con origini greche, romane e da punti di vista religiosi e persino filosofici. Grazie a ciascuno di questi aspetti è che, al momento, esiste una definizione molto accurata di giustizia. Se parliamo della parte filosofica della giustizia, allora dobbiamo menzionare l'etica, la morale e le buone usanze che ogni cittadino deve avere. Per avere una nozione ampia di questa concettualizzazione, la virtù deve essere considerata come un'inclinazione innata a dare a ogni persona ciò che realmente gli corrisponde.

Dobbiamo anche tener conto della volontà, che a sua volta è considerata la rettitudine di un soggetto . San Tommaso d'Aquino disse che le persone giuste non erano quelle che sapevano ciò che era buono o ciò che era cattivo, ma quelli che agivano pacificamente, rispettando il loro ambiente e comportandosi come previsto dalla società. Per lui, tutto si basa sulla rettitudine mentale di una persona, cioè sulla volontà che lo accompagna dal momento in cui usa la sua ragione, fino all'ultimo giorno della sua vita.

Se analizziamo tutto ciò, è abbastanza chiaro che il motivo o l' origine dell'imparzialità, secondo la filosofia, è l' obiettività . Ora, se analizzato dalla concettualizzazione romana, il giusto è definito da Ulpiano come una volontà costante di concedere o dare a ogni persona il diritto che gli corrisponde. Ciò andava oltre la reciprocità sociale, ma piuttosto i benefici legali o le punizioni che i soggetti avrebbero. Ulpiano ha stabilito diverse regole da seguire per vivere in armonia e mantenere la società in completo ordine .

Queste regole erano basate sul comportamento appropriato, non sull'agire con cattiveria o cattiveria nei confronti di altre persone, e tanto meno fare del male ai cittadini. Infine, ha stabilito che tutti rispettano e applicano queste regole e il resto delle leggi create in quel momento, perché solo allora avrebbero ricevuto lo stesso trattamento in cambio. D'altra parte, se avessero fatto il contrario di quanto stabilito, le persone avrebbero ricevuto solo punizioni, in questo modo, ciò avrebbe riflesso ciò che lui chiamava giustizia. Da qui, l' equità è stata presa in considerazione per l'elaborazione delle leggi a Roma e nel mondo.

D'altra parte, c'è la concettualizzazione greca, che si riferisce alla morale e alle buone abitudini degli individui in una società . Questo ha molto a che fare con le opinioni religiose, infatti, ha molto a che fare con il cristianesimo e l'Antico e il Nuovo Testamento. Questo punto di vista va oltre la legge o la moralità, poiché parla della relazione tra Dio e gli umani che egli stesso ha creato. Riguarda la sincerità, la fiducia, la fedeltà e l'adempimento della volontà di Dio sulla terra .

Non si può parlare di ciò che è giustizia senza menzionare l'etimologia dell'Antico Testamento. Riferimenti scritti parlano di equità come un atto benevolo di Dio, un'azione che egli stabilisce per proteggere l'umanità dal peccato. Naturalmente, questa azione è subordinata alle regole che ogni persona in tutta l'umanità deve seguire, questi sono i ben 10 comandamenti ben noti consegnati o notificati nell'Alleanza che è stata celebrata tra Dio e il popolo israelita. Nell'antico testamento, la giustizia è divina e riesce a coinvolgere la fedeltà in congiunzione con la salvezza.

Inoltre, per molti non è coerente spiegare cos'è la giustizia senza fare riferimento al Nuovo Testamento, che mantiene l'essenza dell'imparzialità dell'Antico Testamento, ma assumendo un aspetto più profondo, molto simile alla concettualizzazione romana, in cui il presenza di fedeltà e rispetto degli standard, ma c'è anche solidità e tenacia, entrambi portano gli individui a superare le forze del male che Dio cerca di rimuovere dall'umanità. Gli etimologi affermano che ci sono molti concetti di giustizia nella Bibbia e che nessuno è meno valido dell'altro.

La rappresentazione della giustizia

giustizia

Chiunque rappresenti direttamente il termine è la signora della giustizia, personificata da diverse divinità secondo la cultura. Inizia con l'Egitto nelle divinità Maat e Iside, poi nella mitologia greca come Temi e Dicea.

Temi era considerato la dea della legge, delle buone usanze, della forza. Si potrebbe dire che aveva molto a che fare con la legge, anche se alla fine la maggior parte delle persone associa la signora della giustizia a Dicea, mentre è stata rappresentata con una scala in una mano, la spada in un'altra e una benda che le copre gli occhi.

L'equilibrio rappresenta l'equità e l'uguaglianza nella società, è ciò che fa vedere a tutti che ognuno ha il dovuto. La spada suggerisce la costante lotta per scoprire la verità, per far rispettare le regole e per far beneficiare o giudicare le persone in base alle loro azioni. Infine, la benda, che rappresenta la fede e la fedeltà nei cittadini. C'è un detto che la giustizia è cieca, che non vede l'età o lo stato sociale, quindi una delle concettualizzazioni della benda sulla donna immortalata.

Tipi di giustizia

giustizia

L'obiettivo di separare il termine in tipi o classificazioni è essere in grado di regolare le persone nella società, cercare il modo in cui tutti si comportano in un certo modo e che, nel caso in cui i soggetti facciano il contrario, vengano giudicati attraverso meccanismi creato da una società organizzata. A questo proposito, l'equità può essere vista come un mezzo di riparazione. Se una persona ritiene che la sua volontà sia stata violata o giudicata erroneamente, può fare appello per alcuni dei 4 tipi di giustizia.

Giustizia distributiva

Si chiama anche equità economica e si riferisce a garantire a ciascun cittadino l'accesso a una vita dignitosa, per questo, consente a tutte le risorse che dirigono i soggetti di raggiungere quell'obiettivo sociale, più specificamente, la ricchezza è distribuita in quantità uguali o equivalenti per un'intera popolazione o un determinato settore. Un esempio di questo tipo è il salario minimo guadagnato nella maggior parte dei paesi del mondo.

Ci sono molti pro e contro riguardo a questo argomento, perché sebbene un numero considerevole sia d'accordo con questo precetto, molti altri credono che non sia giusto che tutti abbiano la stessa ricchezza quando ci sono soggetti con più esperienze, livelli di studi o sforzi. È proprio per questo motivo che questo aspetto è discutibile e non applicabile in tutti i territori del mondo. Il Messico è uno dei paesi che applica questo tipo di giustizia.

Giustizia retributiva

Qui stiamo affrontando un tipo di equità nel trattamento sociale, cioè cerchiamo di stabilire una norma in cui i cittadini siano trattati correttamente e nello stesso modo in cui hanno trattato i loro vicini. Da questo lato, ci sono molte azioni retroattive, perché proprio come coloro che hanno agito come si aspetta la società ne beneficiano, anche coloro che infrangono le regole vengono puniti, attuando così un equilibrio in cui l'equità è il premio principale. Qui la legge ha un rapporto abbastanza stretto con la giustizia.

È attraverso la legge che vengono prese le lettere in materia, si cercano soluzioni e si applicano le punizioni, in questo modo vengono rispettate sia le leggi nazionali che internazionali (leggi sui diritti umani, crimini di guerra, corruzione, ecc.).

Giustizia procedurale

Qui viene messa in evidenza l' imparzialità delle leggi indipendentemente dal territorio o dal crimine commesso. Vi è una preoccupazione nel processo decisionale e nell'attuazione di benefici o punizioni in base al comportamento delle persone. L'equità procedurale si basa sull'uguaglianza, in quanto nessuno è più di chiunque altro e che, indipendentemente dallo stato sociale in cui si trovano, tutti riceveranno il trattamento che essi stessi hanno esternalizzato.

Sotto questo aspetto, si vede anche l'intervento della legge, poiché richiede una persona con la capacità di esercitare la sua volontà ed essere imparziale, ma anche un'altra che può rappresentare la persona che ha infranto la legge, in modo che possa difenderla. Ma questa cifra è presente anche nelle tattiche governative, in particolare quando si deve prendere una decisione che implichi la partecipazione dei cittadini. Qui, difesa e giustizia vanno di pari passo.

Giustizia riparativa

Questo è l'opposto della giustizia retributiva, poiché il suo obiettivo principale è quello di prestare molta attenzione alla vittima, garantendo sicurezza, benessere e diritti fondamentali. Questo tipo è più soggettivo, poiché lungi dal cercare il benessere di un'intera nazione, si concentra sulla qualità della vita delle vittime del crimine . È proprio per il dettaglio finale che questi soggetti sono molto importanti all'interno di qualsiasi operazione di restauro, poiché sono quelli che stabiliscono quali sono le misure da adottare, quali diritti devono essere ripristinati e gli obblighi dei soggetti che hanno violato le leggi.

Dal punto di vista di coloro che violano le leggi, viene loro insegnato che non dovrebbero violare le regole, ciò avviene attraverso una conciliazione tra le vittime e gli autori, solo allora possono essere ritenuti responsabili per i danni causati. Nel caso in cui la conciliazione non si concluda e le pene siano garantite, queste tendono ad essere variate in base al territorio in cui viene applicata, ma generalmente si tratta di multe, carcere, carcere, ecc.

Giustizia e valori dei cittadini

Fin dall'inizio, la giustizia è definita come un insieme di valori che vengono applicati e pagati nella società . Queste sono le basi, la genesi, il principio di buona convivenza in una certa località e che, a poco a poco, si sta espandendo per abbracciare il mondo intero. Nei valori dei cittadini la giustizia viene applicata in tutte le sue definizioni, ad esempio, quando si parla di partecipazione dei cittadini, si fa menzione di contributi piccoli o grandi per promuovere il bene comune, è un atto di buona volontà migliorare la qualità della vita.

C'è anche trasparenza e questa è un'azione proveniente dalle autorità governative. In questo valore, si impegnano ad agire pubblicamente, evitando così l'uso improprio delle risorse o del potere che essi stessi possiedono e possono soddisfare le esigenze dei collettivi. Per quanto riguarda l'uso improprio delle risorse, si fa riferimento a segreti di stato, inefficienza, inefficacia, discrezionalità arbitraria su questioni che dovrebbero essere pubbliche e abuso di potere. Quando le autorità agiscono con trasparenza, la società coesiste in completa armonia.

Anche la tolleranza fa parte dei valori dei cittadini e si basa sul rispetto delle persone per quello che sono, cosa fanno e cosa possono fare. È una delle norme sociali fondamentali e la base principale della giustizia. La tolleranza è una complessa combinazione di rispetto ed uguaglianza e va di pari passo con i principali precetti di giustizia.

Infine, l' onestà, il coraggio di riconoscere che ci sono cose buone e cattive, la capacità di sapere quali delle opere sono nostre e quali avranno conseguenze nella vita delle persone. Questo fa parte della coscienza, più morale che civica, di essere sincero con le azioni che vengono quotidianamente commesse.

Tutti questi, insieme, costituiscono il valore della giustizia e l'importanza che la circonda in una località, paese e tutto il mondo. Tutti questi valori vanno di pari passo, uno non può esistere senza la presenza dell'altro e questo è ciò che predomina.

Cos'è la giustizia sociale

giustizia

Aristotele e altri studiosi credevano che la giustizia sociale fosse in realtà il tipo di giustizia distributiva applicata in molti paesi, tuttavia, il termine nasce dall'ingiustizia sociale che si diffonde in tutto il mondo. Il tema principale della giustizia sociale è l'uguaglianza in tutte le sue categorie, concettualizzando il termine come un modo per garantire a tutti i cittadini gli stessi benefici indipendentemente dal loro status economico, o facendo riferimento alla dignità umana, è semplicemente fornito a tutti, ugualmente, gli stessi benefici e diritti secondo i parametri del governo.

La giustizia collettiva promuove l'uguaglianza di rispetto e accettazione in tutti i cittadini, concentrando i suoi obiettivi sulla distribuzione di diritti e benefici in modo totalmente equo.

Come esempi di giustizia sociale, ci sono i beni e i servizi di cui ogni persona ha bisogno per vivere con dignità, educazione e, infine, diritti umani. Nel corso degli anni, questo tipo di giustizia ha assunto un ruolo importante nel mondo, motivo per cui le Nazioni Unite hanno istituito il 20 febbraio la giornata internazionale della giustizia sociale.

Giustizia sociale Secondo

capitalismo

A differenza della giustizia, il capitalismo non è una creazione di esseri umani, non è stato deliberato, al contrario, fa parte della spontaneità umana e della necessità di avere di più a livello economico e sociale. La giustizia ha dei limiti, cerca di stabilire un approccio in cui ognuno ha la stessa cosa in molti aspetti e il capitalismo è l'opposto. Ci vuole un gran numero di persone o organi per prendere decisioni, motivo per cui, in pratica, ci sono troppe aziende che agiscono come concorrenza. Il capitalismo è espansione e una visione particolare.

socialismo

I due condividono diversi elementi importanti in termini di terminologia, infatti l'elemento che hanno in comune (e il più importante, va notato) è quello di questa uguaglianza, tuttavia, nel socialismo, questo si applica solo ipoteticamente, poiché non vi sono prove che l'uguaglianza o la giustizia collettiva siano effettivamente realizzate con successo in alcun paese. C'è sempre qualcosa che finisce per distruggere il tentativo di giustizia collettiva e questo non è avvenuto solo in questo secolo, ma in quelli precedenti.

La giustizia parla di dare a tutti ciò che è dovuto e da un punto di vista sociale, è condotta in modo equo. Questa idea ha sempre voluto essere applicata dal socialismo, ma non è mai stata in grado di materializzarsi.

liberalismo

A questo proposito, è importante evidenziare che il liberalismo cerca, vale la ridondanza, di dare agli individui la libertà di fare della propria vita (in termini sociali ed economici) ciò che credono sia il migliore da vivere, cioè non c'è Intervento statale. Nella giustizia sociale, lo Stato è il principale benefattore, intervenendo nell'economia e in aspetti sociali come il matrimonio. Sono applicabili entrambi i termini.

comunismo

In questo aspetto si può dire che ci sono molte somiglianze che nel socialismo, oltre a condividere molti aspetti della giustizia. Il problema è che nel comunismo non esiste la figura delle compagnie private, non ci sono classi sociali, non c'è proprietà privata, non c'è stato.

Giustizia sociale in Messico

La giustizia collettiva può essere applicata in vari paesi, ad esempio il Messico è uno di questi, ma poiché la perfezione non si trova mai nelle misure applicabili dai governi in carica, questo termine non ha raggiunto il successo previsto. Non è possibile parlare di giustizia collettiva in un territorio quando i tassi di povertà aumentano invece di diminuire .

Raccomandato

idiosincrasia
2020
Zona economica
2020
giullare
2020