Filosofia della natura

È definito come il ramo della filosofia incaricato dello studio dei fenomeni che sono caratterizzati come naturali e che possono includere tutto, dal movimento alla composizione delle cose che compongono la realtà, compreso il cosmo e persino il corpo umano. .

Filosofia della natura

La filosofia della natura ha fatto risaltare le qualità spirituali e naturali dell'uomo, confrontandole con i postulati soprannaturali, con i quali operava il pensiero teologico; raggiungere in questo modo per stimolare la rinascita dello spirito di libertà di un essere umano, costretto a inserirsi nella natura e nella storia come protagonista dei suoi cambiamenti.

Le caratteristiche più importanti della filosofia della natura sono le seguenti: sono state sviluppate diverse concezioni, sia idealistiche che materialistiche . I suoi esponenti manifestarono un evidente interesse per lo studio della natura. L'eternità e l'infinito del mondo furono riconosciute. Ilozoismo ( teoria che sostiene che la sensibilità e la vita sono inerenti a tutte le cose in natura).

Alcuni dei suoi principali esponenti furono:

Talete di Mileto, un grande filosofo greco la cui teoria esprimeva che l'acqua fosse l'origine di tutte le cose che esistono.

Parmenide di Elea, credeva che tutto ciò che esiste sia sempre esistito; poiché nulla può venire fuori dal nulla; e anche qualcosa che esiste non può diventare nulla.

Eraclito di Efeso, per questo filosofo tutto era in movimento e nulla dura per sempre. Pensava che il mondo fosse una grande contraddizione; perché se una persona non si fosse mai ammalata, non avrebbero mai capito cosa significasse essere sani.

Anaxagora, un filosofo materialista greco la cui teoria esprimeva che la natura era fatta di vari piccoli pezzi, invisibili all'occhio umano; Chiamo queste parti semi o germi.

Raccomandato

rabbino
2020
giudizio
2020
Natale carol
2020