filantropia

La parola filantropia deriva dalla voce greca "φιλανθρωπία", che significa "amore per l'Umanità", composta in modo lessicale da "spigoli" o "philos" che significa "amico" o "amante" più "anthropos" che equivale a "uomo" »O« essere umano »quindi, secondo la sua etimologia, si può dire che la parola filantropia si riferisce a quel sentimento di empatia che un essere umano possiede per aiutare gli altri in modo disinteressato . E un filantropo, quindi, è quel personaggio che impartisce amore al prossimo, cioè parla di una persona caritatevole, compassionevole, disinteressata, generosa, altruista.

filantropia

In generale, la filantropia si riferisce alla razza umana, all'amore e a tutto ciò che riguarda l'umanità, caratteristicamente in modo costruttivo espresso nell'aiuto disinteressato verso i loro simili.

La parola fu coniata dall'imperatore romano Flavio Claudio Claudio che governò dal 361 fino alla sua morte . Una delle principali occupazioni di questo personaggio come imperatore era quella di ripristinare il paganesimo, proprio come aveva fatto la Chiesa cattolica in ciascuna delle sue istituzioni e persino nella sua dottrina, come in questo caso, così ha proposto il termine "filantropia »Alleggerire il cristiano della carità che era una delle virtù della nuova religione e che non aveva mai fatto parte del paganesimo come religione ad Atene o Roma.

La filantropia, oggi si manifesta attraverso il volontariato o l'azione sociale, cioè donando beneficenza, effettuata in molte occasioni attraverso donazioni come vestiti, cibo, denaro, ecc. alla ricerca della soluzione dei problemi che molte persone affrontano per la mancanza di questo

Raccomandato

pedagogia
2020
Servicio
2020
Scetticismo religioso
2020