estro

Periodo del ciclo estro correlato alla massima ricettività e fertilità nei mammiferi femminili che non sono primati. Da un punto di vista biologico, questa fase della fisiologia animale è quella che consente l'ovulazione delle femmine e, quindi, la loro riproduzione sessuale.

Il periodo di calore viene ripetuto ciclicamente nelle femmine di una specie dalla prima ovulazione e viene contato secondo le stesse da allora fino alla fine del periodo di fertilità. La sua frequenza varia considerevolmente a seconda della specie, da poche ore a diversi giorni o mesi.

estro

Nelle donne esiste un ciclo di attività ovarica in virtù del quale vi sono cambiamenti fisiologici in tutto il loro sistema riproduttivo e da cui derivano alcuni cambiamenti comportamentali . Tuttavia, come nelle donne, l'accettazione sessuale non si limita a una parte del ciclo riproduttivo (che si verifica nella maggior parte degli animali, sebbene esistano eccezioni come il bonobo (pan paniscus), il termine estro non deve essere usato nelle donne come l' umano, in cui l'accettazione sessuale è indipendente dal ciclo riproduttivo.

Estrus nella cavalla inizia tra 12 e 24 mesi, uno stadio equivalente alla pubertà nell'uomo. In questa fase, una serie di cambiamenti fisici e comportamentali ha origine nell'animale. La cavalla ha diversi cicli estro in un certo periodo dell'anno, in particolare in primavera.

Oltre al ciclo estro, la capacità riproduttiva della cavalla sarà dovuta a una serie di fattori esterni, come il clima, la luce, la temperatura o le possibilità di ottenere cibo. D'altra parte, l'età e la razza sono anche altri due fattori che intervengono nella tua fertilità.

L'estro della cavalla è il periodo tra due ovulazioni ed è costituito da due fasi, quella luteale e quella follicolare. Entrambe le fasi consentono alle donne di essere sessualmente ricettive.

Il termine estro non viene utilizzato solo in relazione al mondo animale. In questo modo, quando un poeta si trova in un momento speciale di ispirazione, appare "estro", noto anche come estero poetico. È un culto che è poco usato nel linguaggio ordinario. Mettendo la parola nel contesto, si potrebbe dire che "il poeta romantico è commosso da estro", una frase in cui estro è uguale a ispirazione.

Da un punto di vista etimologico, l'estro viene dal greco oisters, il che significa pungiglione. Pertanto, l'estro del poeta diventa un momento inaspettato e speciale, come la puntura di un'ape.

Raccomandato

Ceppo batterico
2020
incesto
2020
ritorno
2020