Ermete

Nella cosiddetta mitologia greca, il nome di Hermes, il dio messaggero, dei viaggiatori e dei confini, è noto, oltre al commercio, all'astuzia, ai bugiardi e ai ladri. Fisicamente viene rappresentato come un uomo, che usa sandali con le ali come calzature, la testa è coperta da un cappello e ha un caduceo come strumento, che è un simbolo delle sue funzioni di emissario dell'Olimpo e quindi degli dei, un montone può essere visto spesso sulle sue spalle e le invenzioni della lira e del flauto gli sono attribuite.

Ermete

Questo era il figlio del dio Zeus e della dea Maya, la sua casa natale si trova sul Monte Cilenio, situato nella regione meridionale dell'Arcadia, sin dalla sua nascita ha mostrato segni della sua abilità. La leggenda narra che si trasferì in Tessaglia, la regione in cui si trovava suo fratello Apollo al pascolo, ma poiché fu distratto dall'imene (figlio di Magmes), Hermes riuscì a rubare una parte del bestiame di Apollo, che Furono portati da solo in una grotta nella regione di Pylos dove procedette a sacrificare due degli animali, offrendo il sacrificio in dodici parti, una per ogni dio. Più tardi, nascose il resto della mandria e si trasferì nella sua caverna dove si imbatté in una tartaruga posizionata all'ingresso della sua abitazione, che svuotò per utilizzare la cavità risultante come base per posizionare le corde che aveva fatto con gli intestini del bestiame. rubato, dando origine alla prima lira.

Secondo la mitologia greca, il dio Hermes, era molto ricco in ciò che riguarda la prole, dando origine a una grande discendenza, con una rappresentazione molto diversificata di madri, uno dei suoi figli che è noto con maggiore popolarità è Ermafrodita, la cui madre era la dea Afrodite, questo giovane era molto simile ai suoi genitori in certe caratteristiche come la grazia e la fragilità, tuttavia non era attratto dalle donne. C'è una storia che racconta che una ninfa di nome Salmacis, era molto innamorata di Ermafrodita, al punto di venire a molestarlo, tuttavia Ermafrodita lo ignorò, avvolta dalla disperazione, la ninfa implorò gli dei di non non poteva mai separarsi dal giovane, quindi gli dei concedevano il suo desiderio, unendo in un corpo la ninfa e il giovane.

Raccomandato

postlaurea
2020
Radici di un polinomio
2020
E-book
2020