ermeneutica

Il termine ermeneutica deriva dal greco "ἑρμηνευτικός" o "hermeneutikos"; con composti lessicali come "hermeneuo" che equivale a "I decifrare", "tekhné" che significa "arte" più i suffissi "tikos" che significa "correlati a", quindi, secondo la sua etimologia, si può dire che il la parola si riferisce all'arte di spiegare, interpretare o decifrare testi, scritti, ecc. La RAE espone tre possibili definizioni per la parola ermeneutica, tra cui una di esse afferma che si tratta di tutto ciò che riguarda e appartiene all'ermeneutica . Un altro dei possibili significati dichiara che è l'arte di decifrare testi e scritti, specialmente quelli chiamati "sacri" per cercare il loro vero significato.

ermeneutica

Si stima che la parola derivi dal dio greco Hermes, il dio messaggero olimpico, che si presume abbia l'origine della scrittura e del linguaggio, ma era anche considerato il patrono della comprensione e della comunicazione umana, tutto secondo i Greci . Nelle sue origini, l' ermeneutica rifletteva la spiegazione e la comprensione di una frase misteriosa e incomprensibile dell'oracolo o degli dei, che dettagliava un'interpretazione corretta.

Per il filosofo, epistemologo e umanista argentino Mario Bunge, l' ermeneutica è l'analisi degli scritti di critica letteraria, teologia e filosofia, è in quest'ultimo che allude alla dottrina idealista o alla disciplina in base a quali eventi quelli sociali e forse quelli naturali sono simboli o testi che devono essere descritti ed esposti in modo obiettivo.

D'altra parte, nel campo filosofico, in particolare nella filosofia di Hans-Georg Gadamer, definita come l'ipotesi della verità e il metodo che esprime l'universalizzazione del fenomeno interpretativo dalla storicità concreta e personale.

Raccomandato

Radio Script
2020
gatto
2020
Soberanía
2020