epidermide

Lo strato più superficiale della pelle è definito come epidermide e, come indica il nome, si trova sul derma. Questo strato è il rivestimento superficiale del corpo, ha il compito di coprire il corpo quasi nella sua interezza, tranne che per gli orifizi e la mucosa dove continua con un tessuto di rivestimento che si chiama epitelio. Questa è considerata la barriera più importante che il corpo ha contro l' ambiente esterno ostile . Intendo

Nell'uomo, il suo spessore può variare a seconda del soggetto, può variare da un minimo di 0, 1 mm sulle palpebre, ad un massimo di 1, 5 mm sui palmi delle mani e sulla pianta dei piedi. La parola stessa deriva dal latino, che a sua volta deriva da una parola greca.

epidermide

L'epidermide è costituita da cellule appiattite che sono disposte in strati, di cui si distinguono due tipi principali, il primo è lo strato interno o profondo, questo è costituito da cellule attive in replicazione costante e il secondo è il strato esterno formato da cellule morte. Le cellule che lo compongono si moltiplicano nello strato più profondo dell'epidermide e successivamente passano a strati più superficiali, quando le cellule raggiungono l'esterno vengono caricate con una sostanza chiamata "cheratina" fino allo strato o allo strato più superficiale cornea, consiste solo di cellule senza organelli in cui l'intero spazio è occupato solo dalla cheratina.

Mentre questo processo di trasformazione ha luogo, le giunzioni tra le cellule si indeboliscono, permettendo loro di staccarsi e staccarsi, permettendo la formazione di nuove cellule dagli strati più interni.

Questo strato può presentare variazioni di spessore che dipenderanno dalla sua posizione, a livello del palmo delle mani e della pianta dei piedi, in punti in cui raggiunge le sue dimensioni massime, permettendo così una maggiore protezione di queste aree, d'altra parte, in aree come intorno agli occhi il suo spessore è molto più sottile.

Raccomandato

pedagogia
2020
Servicio
2020
Scetticismo religioso
2020