elegia

Questo è il nome dato alla serie di composizioni poetiche e letterarie, in cui si lamentano alcune disgrazie, come la morte di un essere vicino o la semplice perdita di illusione, che si caratterizzano per non avere una metrica fissa. È una poesia di denuncia . Si estende a qualsiasi argomento che lo scrittore consideri propizio, sia esso concreto o completamente astratto, cioè si occupi di quelle questioni relative all'anima.

elegia

Tra le poche distinzioni che vengono fatte all'interno di questo gruppo di poesie c'è quella dell'elegia funebre, poiché questa è specificamente indirizzata a qualcuno che è morto ed è confusa con l'epitaffio, le iscrizioni lapidarie registrate durante i funerali.

Il nome di questo stile deriva dal tipo di metro normalmente usato, il distico elegiaco, la classica strofa di due versi, un esametro e un pentametro; Questo era abbastanza comune nelle metriche greco-latine ed era molto presente nella letteratura romanzesca ed europea. Vale la pena ricordare che, appunto, è l'elegia che emerge nella letteratura greco-latina, essendo scritta usando il dialetto ionico e veniva spesso recitata usando un flauto come accompagnamento, oltre, in alcune occasioni, alla lira. La coppia elegiaca, allo stesso modo, apparve in greco, latino e spagnolo, sebbene in quest'ultimo fosse un po 'irregolare, a causa delle regole della lingua .

Nella letteratura ispanica sono state create numerose elegie. Di questi, ovviamente, alcuni si distinguono per la qualità del loro contenuto e forma, essendo: Elegy to Doña Juana la loca, Federico García Lorca; Eleganza dell'impossibile memoria, Jorge Luis Borges; Inno a Federico García Lorca, Pablo Neruda ; Elegia interrotta, Octavio Paz.

Raccomandato

Emoticones
2020
Natural
2020
indicatore
2020