egloga

L'eclogo è un sottogenere della poesia lirica, una composizione poetica incentrata sul tema dell'amore, caratterizzata dal presentarsi sotto forma di dialogo, simile a un'opera teatrale, ma in un unico atto. Gli interpreti di questa composizione letteraria, per tradizione, sono stati i pastori che raccontano dei loro amori e della loro vita in campagna .

egloga

Nell'eclog, le storie raccontate sono brevi, quindi non è necessario cambiare costumi o ambientazioni (come accade nelle opere tradizionali). Il contesto in cui si svolge è il campo paradisiaco dell'apparenza e in cui la musica gioca un ruolo importante nella definizione delle linee guida e dei tempi di ciascun dialogo.

Anche se è vero che gli eclogi sono spesso espressi nel dialogo, può anche essere presentato come un monologo pastorale.

Gli ecloghi hanno avuto origine nel IV secolo a.C., tuttavia gli ecloghi di quel tempo non assomigliano affatto a quelli che sono conosciuti ora, questo perché nel tempo sono stati modificati e aggiornati . Uno dei primi ecloghi furono quelli creati durante l' impero romano, uno di questi era "idillio" di Teocrito, appassionato di poesia e cultura; tutte le poesie di questo autore hanno sempre avuto un carattere pastorale.

Da questo grande scrittore, famoso per la sua preferenza per le canzoni pastorali, nasce Virgilio, che ha sempre provato ammirazione per i poeti alessandrini come Teocrito. Per questo motivo, Virgilio ha iniziato a creare i suoi bucolici, noti come ecloghi, in cui ha aggiunto elementi autobiografici, ottenendo da ciascun pastore un personaggio immaginario che nascondeva un personaggio reale.

Nella letteratura castigliana, gli esponenti di questo genere furono: Lucas Fernández, Garcilaso de la Vega, Juan de la Enzina. Tuttavia, il più eccezionale è stato Garcilaso de la Vega, dal momento che i suoi ecloghi hanno dato un grande esempio di questo genere in versi indimenticabili.

Ecco un esempio del lavoro di Garcilaso de la Vega :

"Il dolce lamento di due pastori,

Salicio insieme e Nemoroso,

Devo contare, le sue lamentele imitano;

Di chi pecore quando cantano gustoso

Erano molto attenti, gli amori,

Di pascolo dimenticato, ascolto.

Tu che hai vinto lavorando

Un nome in tutto il mondo,

E una laurea senza secondo,

Agora sii attenta, sola e donata

Per l'illustre governo dello Stato,

Albano; l'agorà si girò dall'altra parte,

Risplendente, armato,

Rappresentare sulla Terra il feroce Marte "

Garcilaso de la Vega, Eclogue I (Frammento)

Raccomandato

cariatide
2020
staffe
2020
Postura
2020