dittatura

Dittatura è il nome dato a un sistema di governo, caratterizzato principalmente dalla centralizzazione del potere in un individuo e dalla nullità dei diritti e del benessere delle persone. Secondo gli storici, questo sistema è stato creato nell'antica Roma, con Titus Larcio il primo con il titolo. Inoltre, è importante ricordare che esistono vari tipi di dittatura, ognuno con le proprie caratteristiche, tra cui possiamo menzionare la dittatura monarchica, la dittatura a partito unico, la dittatura individuale e la dittatura ibrida.

dittatura

Cos'è una dittatura

La definizione di dittatura si riferisce a un sistema governativo in cui tutti i poteri di uno stato sono centralizzati in una persona o, in mancanza, in un gruppo di essi (partito politico). Il dittatore si caratterizza per non consentire loro di opporsi alle sue decisioni o idee e di avere autorità e potere assoluti. Si può quindi affermare che si tratta di un governo non democratico, in cui il popolo non ha partecipazione.

Prendendo ad esempio la democrazia repubblicana, il potere è suddiviso in tre parti, che sono il ramo esecutivo, il ramo legislativo e il ramo giudiziario, poiché in una dittatura non c'è posto per una tale divisione del potere, poiché, come detto, il potere Cade su una singola persona o gruppo, un fatto importante quando si tratta di capire cos'è una dittatura.

Allo stesso modo, vale la pena ricordare che il concetto di dittatura ha anche alcuni aspetti simili ai cosiddetti regimi totalitari, e cioè che, generalmente, la dittatura è stabilita attraverso la forza, cioè attraverso minacce a coloro che si oppongono il suo regime, la coercizione o un colpo di stato.

Per capire cos'è una dittatura, è importante conoscere la sua storia, secondo gli storici, la nozione di dittatura nella storia può essere fatta risalire al tempo del grande impero romano, dove era possibile delegare tutto il potere su una persona, questo da è stato generalmente fatto in tempi di crisi, che ormai erano problemi sorti dalle guerre.

Con il passare del tempo, le dittature erano caratterizzate dalla presenza di un elemento costante, e cioè la presenza militare, poiché attraverso questa forza riescono a sostenere il dittatore, mentre l'esercito è incaricato di reprimere tutti coloro che si oppongono a loro volta infondono paura per evitare il dissenso.

D'altra parte c'è anche il concetto di dittatura costituzionale, così chiamato dal momento che il dittatore rispetta presumibilmente le disposizioni della legge, ma per quello che fa realmente, è violare la legislazione per esercitare il suo potere. Tenendo conto del significato della dittatura precedentemente esposto, si può affermare che una dittatura è qualsiasi forza che esegue un dominio imponente, un esempio di ciò può riflettersi nella seguente frase: "la dittatura di Internet è imposta al più giovane".

Che cos'è un dittatore

Come dovrebbe essere logico, in un sistema dittatoriale, che il capo del governo sia identificato sotto il titolo di dittatore, una delle caratteristiche più comuni del dittatore è che hanno una personalità forte e imponente, che spesso usano per sopprimere la libertà di espressione e l'opinione pubblica in generale, mantenendo così il suo potere, pur mantenendo la stabilità sociale e politica.

In politica, per capire cos'è un dittatore, la prima cosa da sapere è che è un individuo (sovrano) che assume l'autorità di tutti i poteri statali e che quindi non è sotto il controllo di nessuno dei loro.

Il dittatore è considerato la massima autorità in qualsiasi area civile o militare, in genere il dittatore promuove illegalmente il governo, ad esempio eseguendo un colpo di stato di pari passo con il settore militare o non riuscendo a Il settore militare è colui che accompagna un settore civile per eseguirlo. Il dittatore non rispetta ciò che è stabilito dalla giustizia, ma al contrario fa ciò che la sua volontà impone.

Uno dei dittatori più noti della regione fu il maggiore generale Antonio López de Santa Anna, che fu presidente del Messico in almeno sei occasioni, ma solo la sua ultima amministrazione è classificata come dittatura di Santa Anna.

Caratteristiche di una dittatura

dittatura

1. Potere senza limiti : come indica la definizione di dittatura, non vi è alcun limite o controllo sulle decisioni prese dal dittatore. Nel corso degli anni, i dittatori si sono caratterizzati attraversando i limiti legali e morali, senza nemmeno preoccuparsi di fornire argomenti logici che giustificano le azioni che stanno eseguendo. In questo modo hanno commesso barbarie, come omicidi di massa, privazioni ingiustificate della libertà, scomparsa di persone, ecc.

2. Non esistono leggi costituzionali : un'altra delle caratteristiche della dittatura è che a causa del fatto che non vi è divisione dei poteri, le leggi stabilite sono quelle che presentano la figura di autorità di chi è al potere, cioè che non ci sono leggi costituzionali. Le persone non hanno leggi che garantiscano la loro sicurezza e il loro benessere, poiché in generale la costituzione viene modificata per soddisfare i requisiti del dittatore e del gruppo di minoranza che rappresenta.

3. Intrusione nella vita privata degli individui : generalmente, nelle dittature, le forze armate hanno l'autorità o la capacità di privare qualsiasi individuo considerato una minaccia, possono anche richiedere oggetti e dati personali, tra cui possono violare la proprietà privata senza alcuna sanzione giudiziaria.

4. Scomparsa della figura del presidente : per quanto strano possa sembrare, molte volte la figura del dittatore si chiama presidente. Dato che il termine presidente è quello usato per descrivere la figura più alta di un governo democratico, si può affermare che c'è una dissolvenza della figura del più alto presidente. Va chiarito che anche se in certe dittature il dittatore viene chiamato "presidente", non ha un apparato democratico che lo sostenga.

5. Controllo dei mass media : ogni governo dittatoriale è caratterizzato dalla supervisione del contenuto che viene gestito dai media, allo stesso modo in cui lo fa con i suoi lavoratori, compresi i giornalisti, controllando così le informazioni che vengono alla luce e di conseguenza, mantenere la popolazione sotto il suo controllo attraverso la persuasione.

È comune che questo tipo di media sia intervenuto, poiché è attraverso di loro che gli aspetti positivi del dittatore sono instillati nella popolazione, questo spesso fa sì che la figura del dittatore sia elevata a quella di un padre protettivo chi vuole il beneficio per il suo popolo.

6. Inosservanza dei diritti umani : in quei governi di fatto (non riconosciuti da alcuna norma legale) l'assenza dei diritti dei cittadini è totale, compresi i diritti umani. In questi governi, ci possono essere scontri violenti, come la guerra, con l'unico scopo di giustificare gli atti di violazione dei diritti umani nei confronti dei cittadini di quello Stato, e può anche attraversare le frontiere violando i diritti di altri paesi.

7. Controllo attraverso la paura : le dittature generano e promuovono la paura della persecuzione dei loro cittadini. Tutta la dittatura controlla e domina il popolo attraverso il terrore, i dittatori infondono nel cittadino la paura di essere perseguitati, torturati e persino uccisi, tutto ciò se non rispettano gli ordini dettati dalla dittatura.

8. La chiesa come mezzo di dominio : un altro aspetto da evidenziare è il fatto che le dittature nel corso della storia hanno richiesto l'approvazione spirituale, per questo motivo in diverse occasioni questi governi concedono un grande potere alla chiesa (generalmente cattolica), e si dice istituzione colui che ha il compito di "dirigere" di nuovo le anime di quelle persone che avevano messo da parte il loro corso spirituale.

9. Errori comuni delle dittature : come conseguenza della paura che generano nelle persone e in tutte le persone attorno al dittatore, i consiglieri di detto sovrano, cercano il più possibile di evitare di esprimere qualsiasi tipo di opinione o critica che differisca da quelle espresse da il presidente. Per questo motivo, viene creato un ambiente in cui si verificano errori ricorrenti e in molti casi può essere la causa della fine del regime.

Tipi di dittatura

dittatura

Dittature militari

Il governo di tipo autoritario che è installato al potere, attraverso le forze armate, è chiamato dittatura militare, prendendo il pieno controllo di quegli enti pubblici con carattere legale, esecutivo e legislativo. Una dittatura militare insorge generalmente come conseguenza di una situazione sociale, politica ed economica instabile, che porta le forze militari a parlare contro il governo in carica, eseguendo anche quello che è noto come un colpo di stato, per quello sradicarlo e stabilire un nuovo ordine .

Allo stesso modo, è possibile che una simile dittatura abbia luogo dopo le elezioni elettorali, in cui il candidato prescelto è legato all'alto comando militare e per questo motivo conferisce loro un grande potere politico.

In generale, l'argomentazione che viene fornita in presenza di una dittatura militare è che ciò che si cerca con ciò è ristabilire la stabilità in quel paese, ma con l'eccezione che sarà fatto attraverso il decreto di uno stato di emergenza o emergenza, che implica una serie di azioni violente, compresa anche la cessazione delle libertà civili e delle garanzie di legge.

Ne è un esempio la dittatura argentina che fu installata nel 1976, attraverso un colpo di stato che ebbe luogo il 24 marzo dello stesso anno, che il governo fu presente fino al 1983, quando a suffragio fu eletto Raúl Alfonsín.

La dittatura in Venezuela di tipo militare risale agli anni '50, in particolare tra il 1953 e il 1958, istituita dall'esercito venezuelano Marcos Pérez Jiménez. Nonostante sia classificato come dittatore, la sua eredità è riconosciuta fino ad oggi, a causa del gran numero di opere e progressi avvenuti durante quel periodo, facendolo conoscere come una delle dittature iberoamericane più emblematiche.

Allo stesso modo, la dittatura in Cile, noto come regime militare, è stata istituita nel paese nel 1973 e fino al 1990 quel sistema di governo era in vigore in quel paese. Ciò rende evidente la costante presenza di dittature in America Latina per diversi decenni.

Dittature a partito unico

La definizione di dittatura a partito unico è usata per descrivere un'altra variante del sistema politico che costituisce un governo dittatoriale, caratterizzato principalmente dall'esistenza di un singolo partito politico . È possibile che esistano altre organizzazioni politiche, ma con dimensioni inferiori e senza possibilità di rappresentare un vero pericolo per gli obiettivi dello Stato.

Le dittature a partito unico, a differenza delle dittature classiche, spesso chiamano elezioni, al fine di avere una certa legittimità. Ecco perché in questo tipo di scenario, la presenza di "elezioni libere" non prova l'esistenza della democrazia. Nei modelli a partito singolo, non è sempre necessario stabilire l'illegalità dei partiti di opposizione, poiché mantenendo il controllo delle opportunità, dei vantaggi e delle istituzioni dell'ordine politico, possono garantire la continuità del partito unico.

L'unipartidismo ha alcuni elementi che gli consentono di differenziarsi da altri sistemi di governo dello stesso tipo, tra cui si può menzionare la concentrazione del potere, impedisce o nega il diritto all'alternanza politica, il pieno controllo dei processi elettorali, interpreta apertamente i principi democratico e leggi. Allo stesso modo, può essere diviso in partito unico fascista, partito unico nazionalista, partito unico marxista-leninista e partito unico prevalente.

Dittature personali

Le dittature personalizzate sono regimi in cui il potere spetta a una persona, questo tipo di dittatura differisce dalle altre per il fatto di accedere a importanti posizioni politiche e anche di essere soggetta, nella maggior parte dei casi, alla volontà del dittatore personalistica. In questo caso, il dittatore personalista può appartenere all'alto comando di un partito politico, o in mancanza di ciò alle forze armate, tuttavia, né il partito politico né l'esercito esercitano il proprio potere indipendentemente dal dittatore, allo stesso modo nella dittatura. Le posizioni senior personalizzate sono generalmente occupate dal cerchio vicino al dittatore (amici e familiari), che di solito vengono scelti a mano per riempire queste posizioni.

Dittature monarchiche

Le dittature monarchiche sono quelle in cui il dittatore (di discendenza reale) sale al potere grazie alle leggi o alle pratiche legali che la costituzione stabilisce in quello stato. Dovrebbe essere chiarito che un regime non può essere classificato come una dittatura, se l'ufficio del monarca è principalmente cerimoniale. Il monarca deve esercitare un vero potere politico in modo che possa essere considerato una dittatura monarchica, da parte loro, le élite sono di solito i parenti del monarca.

Dittature ibride

Il concetto di dittatura ibrida viene utilizzato per descrivere la struttura del governo che fonde elementi di dittature personalista, militare e monopartitica . Quando si verifica questa combinazione, viene dato il nome di "tripla minaccia", essendo le forme più frequenti di dittatura ibrida, l'ibrido personalista / monopartitico e l'ibrido personalista / militare.

Dal punto di vista accademico, ciò che si sa delle dittature ibride è relativamente nuovo, la loro prima apparizione nei libri di storia è stata nei testi sulla democrazia di Philippe Schmitter e Guillermo O'Donnell, dove citano “la transizione da un governo autoritario può generare una democrazia o, in mancanza, può finire in un regime autoritario liberalizzato o in una democrazia liberale restrittiva.

Alcuni dei paesi con tali dittature sono Singapore e i paesi arabi, questi ultimi negli ultimi anni hanno incorporato elementi di democrazia come la costituzione, le istituzioni multipartitiche e rappresentative, il sistema legale di legge, tra gli altri.

Storia delle dittature del mondo

dittatura

Anticamente a Roma, la dittatura era vista come un'istituzione straordinaria di durata illimitata, che viene utilizzata quando c'erano situazioni di emergenza estreme, seguendo determinate procedure e entro i limiti costituzionali, quindi ai consoli fu ordinato di designare un dittatore, per prendere il potere fino a quando la situazione non ritorna normale. Inizialmente questo titolo doveva coprire un massimo di 6 mesi, quindi è stato esteso a 12 mesi.

I poteri concessi al dittatore erano totali, ma allo stesso modo il dittatore doveva rispondere delle sue azioni davanti alla legge, che richiedeva una giustificazione dopo la scadenza del periodo della dittatura.

Secondo gli storici, la dittatura nasce da una proposta fatta da Tito Larcio, che fu anche il primo ad essere nominato dittatore. L'ufficio è stato designato per raggiungere un obiettivo specifico e, nonostante l'ampiezza dei suoi poteri, non erano limitati.

Già con César e Sila, la dittatura che era in declino da molto tempo, prese una nuova direzione, poiché la sua durata e i suoi poteri si estesero, consentendone l'uso a scopi personali . La connotazione cesarista, che è più simile alla tirannia che alla dittatura di Tommaso, aveva figure dittatoriali nel Medioevo e nel Moderno, legate a forme di governo repubblicane.

La prima dittatura moderna fu il giacobino francese, istituito tra gli anni 1793 e 1794, che differiva dai suoi predecessori avendo gli strumenti di controllo tipici di uno stato centralizzato, oltre ad avere il sostegno del popolo mobilitato dall'idea del sovranità nazionale, nonché la concentrazione del potere nell'esecutivo a scapito del potere legislativo.

Il modello di dittatura ha portato a diversi abusi, che lungi dall'essere fermati, sono stati sempre più seguiti allo scopo di esercitare personalmente gli atti del governo. Nell'Europa del Medioevo diminuì a causa della distribuzione feudale delle strutture di potere, allo stesso modo con l'emergere degli stati moderni nei secoli XV e XVI un nuovo approccio fu dato alle monarchie.

La dittatura perfetta

The Perfect Dictatorship è il nome di un film del cinema messicano uscito nel 2014, appartenente al genere della commedia e della satira politica. Il suo regista e produttore era Luis Estrada, mentre la sceneggiatura era una collaborazione tra Jaime Sampietro e lo stesso Estrada. Tra gli attori che hanno partecipato al film, si possono citare Damián Alcázar, María Rojo, Silvia Navarro, Osvaldo Benavides, Alfonso Herrera, Joaquín Cosío e Salvador Sánchez.

Il film critica fortemente il governo dell'ex presidente Enrique Peña Nieto, che era ancora in quella posizione per la premiere del film, che sottolineava la rete di corruzione che aveva istituito con la società Televisa, la più importante compagnia di comunicazione di comunicazione da tutta l'America. La perfetta dittatura è stata registrata presso l'Accademia messicana di cinema e arti cinematografiche, in rappresentanza del Messico ai Goya Awards 2015.

Raccomandato

Paleontología
2020
alpinismo
2020
l'outsourcing
2020