Dissonanza cognitiva

La dissonanza cognitiva descrive una situazione in cui gli atteggiamenti, le credenze o i comportamenti di una persona producono una sensazione di disagio che porta a un'alterazione in essi per ridurre il disagio e ripristinare l'equilibrio.

Dissonanza cognitiva

Ad esempio, quando una persona fuma (comportamento) e sa che il fumo provoca il cancro (cognizione), ma si inganna dicendo a se stessi: "Beh, qualcosa deve morire".

Per la psicologia, la dissonanza cognitiva è conosciuta come la tensione o il disagio che percepiamo quando manteniamo due idee contraddittorie o incompatibili, o quando le nostre credenze non sono in armonia con ciò che facciamo. Leon Festinger (1957) ha proposto la teoria della dissonanza cognitiva, secondo cui una potente ragione per mantenere la coerenza cognitiva può portare a comportamenti irrazionali e, a volte, a uno scarso adattamento.

Secondo Festinger, abbiamo molta conoscenza del mondo e di noi stessi; ma quando si scontrano, appare una discrepanza che produce uno stato di tensione noto come dissonanza cognitiva. Poiché l'esperienza della dissonanza è spiacevole, siamo motivati ​​a ridurla o eliminarla il più presto possibile, ripristinando così la consonanza (cioè l'accordo). Questi elementi cognitivi possono essere correlati in tre modi: dissonanti, consonanti o irrilevanti.

Un altro esempio: quando andiamo a comprare un paio di scarpe. Ci piace un paio, ma quando vediamo il prezzo al quale ci arrendiamo, non è nel nostro budget spendere tanto in un paio di scarpe quando abbiamo altre priorità di base. Il commesso ci dice che "a volte ci devono essere certi gusti, specialmente quando non lo facciamo spesso" e quell'argomento risolve il conflitto interno, risolve la contraddizione, la dissonanza, perché ci rimane quell'argomento.

La dissonanza cognitiva può anche verificarsi quando qualche altro comportamento di un'altra natura contraddice una certa convinzione . Ad esempio, se una persona discute con suo fratello e la convinzione trasmessa attraverso la famiglia è che con i fratelli non devi mai discutere perché "all'interno della famiglia non c'è argomento". La sensazione che la discussione produce è in contraddizione con la convinzione appresa. Per risolvere la tensione, la persona può rinunciare al suo punto di vista e scusarsi con suo fratello. O forse osi mettere in discussione la convinzione e ricrearla o rimodellarla. "C'è sempre una prima volta."

La teoria della dissonanza cognitiva è riconosciuta nel campo terapeutico, che è spesso provocata intenzionalmente, in modo che la persona abbandoni una convinzione molto limitante o rigorosa e possa vedere una prospettiva più ampia.

Raccomandato

embriologia
2020
cattolico
2020
io lavoro
2020