diaspora

La disintegrazione o l'esodo dei membri di una comunità che devono lasciare la loro terra natale è conosciuta come diaspora. Dispersione di una città o comunità umana da varie parti del mondo; in particolare quello degli ebrei dopo la distruzione del regno di Israele (VI secolo a.C.).

Nei tempi antichi, gli ebrei erano divisi in due gruppi: quelli che vivevano a Gerusalemme e praticavano la loro religione con criteri tradizionali e quelli che erano integrati in altre culture . Quest'ultimo parlava generalmente diverse lingue ed erano persone istruite impegnate nel commercio o in un'attività professionale riconosciuta. Gli ebrei della diaspora hanno mantenuto i loro riti religiosi nelle sinagoghe.

diaspora

D'altro canto, aiutarono i loro fratelli ebrei a vivere finanziariamente a Gerusalemme. A quel tempo, i romani mantenevano una certa tolleranza nei confronti delle credenze e della cultura degli ebrei della diaspora. In questo senso, il Senato romano autorizzava le diverse comunità ebraiche in modo che potessero mantenere la loro struttura organizzativa interna nelle diverse sinagoghe. Pertanto, gli ebrei della diaspora potevano praticare i loro riti senza entrare in conflitto con l'autorità romana.

Gli ebrei sono le uniche persone nate con il dovere divino di abitare in una regione del mondo: Canaan (Israele). Tuttavia, durante i suoi 4000 anni di storia, sono diventati la nazione più cosmopolita al mondo. Le comunità ebraiche si estendono in oltre 100 paesi: dal Messico all'Inghilterra, dal Kazakistan al Sudafrica, da Cuba al Giappone . Ad eccezione di Israele, gli ebrei hanno vissuto come minoranze in tutti quei luoghi. "La storia ebraica è caratterizzata da dispersioni e successive diaspore all'interno della diaspora", afferma Luis S. Krausz, professore di letteratura ebraica e ebraica all'Università di San Paolo (USP). “Questa storia inizia con la distruzione del Tempio di Salomone da parte del re Nabucodonosor nel VI secolo a.C., quando gli ebrei furono portati a Babilonia. Continua fino al 20 ° secolo, con la dispersione e il genocidio degli ebrei d' Europa «. Le croci producono una varietà di gruppi ebraici che cristallizzavano costumi, lingue e cibo dai luoghi in cui vivevano. E ha anche contribuito ad arricchire le culture locali.

La diaspora cubana, d'altra parte, iniziò a svilupparsi nel 1959 con il trionfo della Rivoluzione. Migliaia di cubani, insoddisfatti del regime comunista, decisero di emigrare e stabilirsi in diverse nazioni.

Attualmente, la diaspora venezuelana è spesso usata per riferirsi a coloro che hanno preso la decisione di lasciare la loro patria a causa delle politiche di Chavez. Ciò è interpretato da una crescente immigrazione venezuelana in paesi come Spagna, Stati Uniti, Colombia e Argentina.

La diaspora africana, la diaspora cinese, la diaspora turca e la diaspora basca sono altri movimenti migratori che hanno portato alla dispersione delle comunità.

Attualmente lo Stato di Israele ha un Ministero degli Affari della Diaspora, questa istituzione promuove le tradizioni ebraiche in tutte le comunità ebraiche sparse nel mondo. Questa iniziativa mira a rafforzare l'identità del popolo ebraico.

Raccomandato

amore
2020
composizione
2020
Capellán
2020