decreto

Dal latino «decrētum» ha origine il decreto di entrata, che significa decisione, ordine o sentenza ufficiale ; "Decretum" deriva dalla forma neutra del participio della voce "decernere", composta in modo lessicale dal prefisso "de" che indica la direzione dall'alto e dal basso, più il verbo "cernere" che significa "distinguere" il verbo che deriva da un Radice indoeuropea. Il decreto può essere definito come la decisione o la risoluzione di un presidente o capo di stato, tribunale, giudice o altro tipo di autorità, che comunica su qualsiasi questione, questione o affare . Questa decisione si applica generalmente ai personaggi politici e governativi. In altre parole, in senso generale è quella norma dettata da una certa figura di autorità, con uno scopo particolare. Va notato che un decreto può anche fare riferimento a tutto ciò che il Papa ordina prima di una consultazione con i cardinali .

decreto

Molte volte, quando si parla di un decreto, si riferisce a un atto amministrativo diretto dal potere esecutivo, con questioni regolamentari e gerarchie inferiori alle leggi. Esistono tipi di decreti come il decreto reale, che è quello approvato dal Consiglio dei ministri ed è firmato dal re di quella nazione. D'altra parte, c'è il decreto legge, che è la determinazione presa dal governo in determinate circostanze o occasioni.

Nell'antichità sorse il cosiddetto "decreto di abbonamento", che fu inviato ai tesorieri affinché gli oggetti pagati secondo gli ordini del re fossero ammessi nei loro conti. Successivamente, quando si parla del "Decreto di Graciano", che è scritto con una lettera maiuscola iniziale, noto anche con il nome di "Concordanza delle discrepanze dei canoni" o "Armonia dei canoni dissonanti", si fa riferimento alla scrittura o al libro Diritto canonico redatto dal monaco camaldolese e professore legale di teologia di Bologna, Graciano o Franciscus Gracianus.

Raccomandato

Efector
2020
abominevole
2020
vindicate
2020