coesistenza

Nelle società in cui esistono diverse culture e modi di pensare, la coesistenza è intesa come il modo di vivere e interagire che i membri di culture diverse hanno sulla stessa superficie. Nell'aspetto politico, la coesistenza è data dal contatto esistente tra nazioni con diversi sistemi politici, senza dover prendere le armi per risolvere i loro problemi.

coesistenza

Il concetto di convivenza pacifica è usato in questo senso per esprimere il rifiuto di tutti i tipi di violenza, come metodo per risolvere i problemi tra due paesi. Questo termine è stato enunciato per la prima volta dal leader russo Nikita Krusciov. Durante la guerra fredda, con lo scopo di riferirsi alla tolleranza che i sovietici dovettero accettare l'esistenza di nazioni di maggiore sviluppo come quella degli Stati Uniti.

Come è stato osservato, la coesistenza è associata al principio di tolleranza. Soprattutto in un mondo in cui esiste un'immensa pluralità di idee religiose, morali e filosofiche. Per questi è necessario che nei paesi in cui gli scontri sono latenti, a causa delle discrepanze di idee e pratiche, sia necessario promuovere la tolleranza, che consiste nel voler ascoltare gli altri e analizzare se è possibile adattarsi ai loro punti di vista. visto, gestendo sempre in un ambiente di supporto e collaborazione, poiché la diversità non dovrebbe essere vista come un ostacolo all'esistenza dell'unione sociale.

A livello sociale, la coesistenza richiede l' accettazione del fatto che ci sono altre persone con idee molto diverse dalla nostra. Tutti coloro che coesistono in un determinato spazio sono obbligati a rispettare e obbedire a regole specifiche e che devono essere condivise, in modo che ci possa essere un'organizzazione sociale e la supervisione della violenza.

Raccomandato

antropico
2020
continente
2020
amusia
2020